le notizie che fanno testo, dal 2010

Rivendicazione gambizzazione Adinolfi: colpire la piovra Finmeccanica

E' giunta, al Corriere della Sera, la rivendicazione della gambizzazione di Roberto Adinolti, Ad dell'Ansaldo Nucleare, da parte del "Nucleo Olga" FAI/FRI, dove si invita a colpire "con ogni mezzo necessario" gli altri tentacoli di Finmeccanica.

Ha una rivendicazione la gambizzazione di Roberto Adinolfi (http://is.gd/aYWc0V), e porta la firma degli anarchici. O meglio, del "Nucleo Olga FAI/FRI (Federazione anarchica informale/Fronte rivoluzionario internazionale), il cui nome prende origine da quello di Olga Ikonomidou, attualmente detenuta in un carcere della Grecia, perché "nella coerenza e forza dei componenti della 'Cellula dei membri prigionieri delle CCF (Cospirazione Cellule di fuoco, ndr)/FAI' risiede il cuore FAI/FRI", come si legge nelle quattro pagine di rivendicazione (http://media2.corriere.it/corriere/pdf/2012/olga_110512.pdf) spedite al Corriere della Sera.
"Abbiamo azzoppato Roberto Adinolfi, uno dei tanti stregoni dell'atomo dall'anima candida e dalla coscienza pulita", rivendicano gli anarchici di FAI/FRI, mentre nell'incipit, oltre ad una frase di Michael Bakunin vengono riportate due frasi dell'amministratore delegato dell'Ansaldo Nucleare:
- In Giappone si sono registrati oltre diecimila morti, ma neppure uno finora è dovuto agli incidenti nucleari.
- L'impatto ambientale del nucleare è limitato, considerato che non c'è produzione di CO2.
Gli anarchici del Nucleo Olga FAI/FRI sottolineano che Roberto Adinolfi "prima che il nucleare ricadesse in disgrazia, è stato tra i maggiori responsabili insieme a Scajola del rientro del nucleare in Italia" ma precisano anche che "l'obiettivo è uno scienziato incolore, un tecnico, parola tristemente di moda in questi tempi che dietro una fittizia neutralità nasconde la longa manus del capitale, un dirigente poco incline a comparire alla ribalta, nello stesso tempo un responsabile scellerato che non solo ha progettato e rimodernato centrali nucleari che hanno fatto e continuano a fare morti in giro per il mondo. Non solo ha progettato od ha collaborato nella gestione di centrali mortifere ma ne ha promosso l'impianto e lo sfruttamento con l'Ansaldo tramando con i singoli governi; scienza politica ed economia in perfetto connubio".
Nella rivendicazione si legge ancora che "a pochi chilometri da noi in Francia, Svizzera, Romania le centrali nucleari non si contano più. Nella sola Unione Europea ve ne sono centonovantasette, dodici a ridosso dei confini italiani - aggiungendo - Adinolfi lo sa bene è solo questione di tempo ed una Fukushima europea mieterà morti nel nostro continente".
Per gli anarchici del Nucleo Olga FAI/FRI, infatti, "Stato e scienza, capitalismo e tecnologia sono una cosa sola, un unico moloch", e per questo "con il ferimento di Adinolfi" viene proposta "una campagna di lotta contro Finmeccanica piovra assassina", si legge sempre nella rivendicazione, perché se l'Ansaldo Nucleare è un "tentacolo" di Finmeccanica, "Finmeccanica vuole dire Ansaldo Energia con le sue tombe nucleari. Finmeccanica vuole dire Ansaldo Breda con i suoi treni ad alta velocità che devastano il territorio. Finmeccanica vuol dire Selex Sistemi Integrati, Dirstechnical Service Inc. Elsac Datamat con i suoi equipaggiamenti alla polizia razzista statunitense per il controllo dei confini messicani, con il suo delirante progetto di muro elettronico al confine della Libia contro i migranti, e le sue sofisticate forniture elettroniche ai carabineros cileni. Finmeccanica vuol dire Avio Alenia, Galileo e Selex con i loro mortali caccia bombardieri F35, e i terribili droni aerei senza piloti. Finmeccanica vuol dire poligono interforze del Salto di Quirra in Sardegna. Finmeccanica vuol dire bio e nano tecnologie. Finmeccanica vuol dire morte e sfruttamento, nuove frontiere del capitalismo italiano".
E se "gli esseri umani sono fatti di carne e sogno", il sogno degli anarchici del Nucleo Olga FAI/FRI "è quello di un'umanità libera da ogni forma di schiavitù, che cresca in armonia con la natura".
La rivendicazione invita "tutti i gruppi e singoli FAI a colpire" uno dei tentacoli di Finmeccanica "con ogni mezzo necessario".
Non esiste però armonia generata dalla violenza.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: