le notizie che fanno testo, dal 2010

Manila: sequestro del bus finisce con 8 morti

Il sequestro del pullman nelle Filippine è finito con l'uccisione di otto persone, tra cui il sequestratore. Al momento del sequestro nel pullman vi erano 22 turisti di Hong Kong e tre filippini, e questo era il loro ultimo giorno che dovevano passare a Manila.

Il sequestro del pullman nelle Filippine è finito con l'uccisione di otto persone, tra cui il sequestratore. Al momento del sequestro nel pullman vi erano 22 turisti di Hong Kong e tre filippini, e questo era il loro ultimo giorno che dovevano passare a Manila.
Il gesto folle è stato compiuto da ex ispettore di polizia licenziato agli inizi di quest'anno per aver estorto 350 euro da uno chef di un'hotel di lusso, oltre ad avergli fatto ingoiare parecchie metamfetamine. Rolando Mendoza, questo il nome del sequestratore, ha preso possesso dell'autobus circa alle 9 di questa mattina (le 3 ore italiane) e dai finestrini mandava messaggi quali: "Un grande errore per una grande decisione sbagliata".
Le teste di cuoio erano riusciti a comunicare via telefono con Mendoza, tanto che inizialmente ha lasciato liberi 9 ostaggi, tra cui 3 bamnini.
A bordo, quindi, rimanevano ancora 15 turisti cinesi e l'autista filippino.
L'inizio della fine è cominciato quando i familiari di Rolando Mendoza gli avrebbero dovuto consegnare una lettera, ma il fratello e il figlio del sequestratore si sono rifiutati e hanno invece incoraggiato l'uomo a resistere. La polizia li ha quindi arrestati e poco dopo dal pulman si sono sentiti degli spari. Mendoza aveva ucciso altri due turisti.
Dopo poco l'autista viene liberato, e sembra che racconti che all'interno del pullman tutti ormai erano morti. Non è la verità, e mentre le teste di cuoio tentano un modo per salire dall'interno partono dei colpi. vengono lanciati dei lacrimogeni e la reazione di Mendoza è sparare di nuovo, apparendo dopo dopo in fin di vita. I turisti sopravvissuti sono così potuti scendere dal pullman. Ma nelle Filippine cresce già la polemica riguardo alla gestione dell'operazione e sulla scarsa sicurezza del Paese verso i turisti.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: