le notizie che fanno testo, dal 2010

Fiat incrementa partecipazione in Chrysler. Entro anno il 51 per cento

Sergio Marchionne spiega che l'allenza tra Fiat e Chrysler sta progredendo velocemente, e infatti si comunica che la Fiat ha incrementato ancora del 16% la propria partecipazione in Chrysler. Probabilmente entro quest'anno, "Fiat deterrà il 51% del capitale di Chrysler".

Durante un intervento a Sterling Heights, l'Ad di Fiat Sergio Marchionne spiega che l'allenza tra la casa automibilistica di Torino e Chrysler sta progredendo velocemente, sottolineando che si sta facendo di tutto per "accelerare questo ritmo ed arrivare, nel più breve tempo possibile, alla nascita di un solo gruppo in grado di garantire maggiore stabilità e forza alla relazione nell'interesse di entrambi i partner". E infatti in una nota stampa del 24 maggio, la Fiat comunica di aver incrementato ancora del 16% la propria partecipazione in Chrysler, "contestualmente al completamento del rifinanziamento del debito di Chrysler ed all'integrale rimborso da parte di Chrysler dei prestiti concessi dai Governi statunitense e canadese". Nel comunicato si precisa che "a fronte del pagamento da parte di Fiat di un corrispettivo di 1.268 milioni di dollari USA, Chrysler ha emesso a favore di Fiat 261.225 nuovi Class A membership interests in Chrysler, con un incremento della quota di Fiat del 16% ('on a fully-diluted basis')" sottolineando che "a seguito del raggiungimento dell'ultimo Performance Event, atteso nel corso di quest'anno, Fiat deterrà il 51% del capitale di Chrysler".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# Chrysler# Fiat# Sergio Marchionne# Torino