le notizie che fanno testo, dal 2010

Fiat: a Pomigliano da 20-31 agosto 2.150 operai in cassa integrazione

La Fiat comunica che dal 20 al 31 agosto Pomigliano rimarrà chiuso e gli oltre 2mila lavoratori saranno messi in cassa integrazione. Questo per "evitare inutili e costosi accumuli di vetture".

C'è crisi, e in Italia il mercato dell'auto si posizionerebbe addirittura ai livelli del 1979. E così, la Fiat annuncia che dal 20 al 31 agosto 2012 ben 2.150 lavoratori di Pomigliano d'Arco saranno messi in cassa integrazione ordinaria, perché lo stabilimento rimerrà chiuso.
La scelta di chiudere e mandare oltre 2mila operai in cassa integrazione viene spiegata dalla Fiat per "evitare inutili e costosi accumuli di vetture".
Il Lingotto quindi precisa che "dopo la chiusura estiva la fabbrica si fermerà per due settimane, dal 20 al 31 agosto", preannunciando che "nei prossimi mesi la situazione sarà oggetto di continuo monitoraggio".
"Finora del piano Marchionne abbiamo visto soltanto la parte che riguardava i sacrifici per i lavoratori, intermini di reddito, diritti e condizioni occupazionali" commenta Andrea Cozzolino, il vicecapo delegazione del PD al Parlamento Europeo, sottolineando che "dei tanto annunciati investimenti che erano stati messi sul piatto a parziale compensazione non vi è traccia" mentre "ancora una volta è prevalso un modello punitivo per i lavoratori, che ha provato a far profitto esclusivamente facendo leva su un ridotto costo del lavoro".
Cozzolino quindi conclude evvertendo che "quella che si è abbattuta su Pomigliano è la stessa logica che sta mandando in crisi il modello economico e produttivo italiano ed europeo" perché "senza risorse da destinare ad un processo di innovazione complessiva dei modelli e dei prodotti, qualificando e mettendo al centro la forza lavoro, non c'è piano di rilancio che tenga".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: