le notizie che fanno testo, dal 2010

Marchionne: il 2014 è stato l'anno del disastro per la Ferrari

Sergio Marchionne, neopresidente del Cavallino, ammette: "Non vorrei parlare del 2014, un anno tutto da dimenticare e un grandissimo disastro per la Ferrari". Per il 2015 Maurizio Arrivabene spera in Sebastian Vettel, ricordando: "Schumacher un giorno mi disse: 'Vedi quel ragazzino? E' l'unico che può fare quello che ho fatto io in Ferrari' ".

"Non vorrei parlare del 2014, un anno tutto da dimenticare e un grandissimo disastro per la Ferrari" afferma Sergio Marchionne, neopresidente del Cavallino nel corso dell'incontro per gli auguri di Natale con il nuovo team pricipal, Maurizio Arrivabene. Per Marchionne, infatti, le scelte portate avanti dal duo Montezemolo-Mattiacci, anche se entrambi mai citati, sono state "sbagliate" e spiega il perché: "Riguardandole con il senno del poi, ma la decisione di migliorare la vettura del 2014 e contemporaneamente portare avanti lo sviluppo di quella del 2015 oggi non la condivido". Il prossimo sarà comunque "un anno difficile che metterà alla prova la Scuderia" ammette il presidente della Ferrari. Sergio Marchionne parla anche di regolamento, denunciando: "E' un labirinto costruito male, sembrano regole scritte da quattro amici al bar. Se vogliamo rilanciare la Formula 1 dobbiamo semplificare tutto e riportare lo spettacolo". Maurizio Arrivabene, pur ammettendo di non essere "un mago" sembra fiducioso pensando a Sebastian Vettel, ricordando: "Michael Schumacher un giorno mi disse: 'Vedi quel ragazzino? E' l'unico che può fare quello che ho fatto io in Ferrari' ".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: