le notizie che fanno testo, dal 2010

Federica Mangiapelo: fidanzato indagato per "omissione di soccorso"

Il findazato di Federica Mangiapelo è stato stato iscritto nel registro degli indagati, come atto dovuto. Inizialmente pare fosse indagato per omicidio volontario, ma dopo aver fornito un alibi l'scrizione è mutata in "omissione di soccorso e morte in conseguenza di altro reato".

Il fidanzato di Federica Mangiapelo, la 16enne trovata morta a Vigna di Valle sulle rive del lago di Bracciano , è stato iscritto nel registro degli indagati. Un atto dovuto, precisano fonti investigative, anche perché la scientifica dovrà esaminare l'auto del cameriere 23enne di Formello, quella utilizzata da Marco di Muro la notte di Halloween quando è uscito con al fidanzata di 7 anni più piccola. Sembra che Marco di Muro sia stato iscritto nel registro degli indagati subito dopo il ritrovamento del corpo senza vita di Federica Mangiapelo, inizialmente pare per "omicidio volontario". L'iscrizione è poi mutata dopo i vari interrogatori sostenuti dal ragazzo, nel corso dei quali avrebbe fornito un alibi finora rimasto in piedi. I magistrati, quindi, avrebbero deciso di cambiare l'ipotesi di reato, e attualmente Marco di Muro sarebbe indagato per "omissione di soccorso e morte in conseguenza di altro reato". Federica Mangiapelo è infatti morta per "cause naturali", come stabilisce l'autopsia, ma probabilmente il sospetto dei magistrati è che il decesso sia stato comunque "provocato" da qualche cosa. Per stabilire con certezza se la ragazza aveva assunto la notte del 31 ottobre qualche sostanza (alcol o droga) bisognerà però attendere i risultati degli esami tossicologici. Ciò cha gli inquirenti stanno poi cercando di scoprire è come Federica Mangiapelo sia arrivata a Vigna di Valle, visto che quella zona del lago di Bracciano dista circa 5-6 chilometri da Anguillara Sabazia, dove il fidanzato racconta di aver lasciato la 16enne verso le due di notte, a seguito di un litigio. Indiscrezioni vorrebbero che un testimone avrebbe visto camminare Federica Mangiapelo, da sola, in direzione del lungolago, verso le 3 di notte, circa un'ora prima della morte, come fissata dall'autopsia.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: