le notizie che fanno testo, dal 2010

Caso Federica Mangiapelo: inizia il processo. Marco Di Muro "evade" dai domiciliari

Inizia il 17 luglio il processo sulla morte di Federica Mangiapelo, la ragazza trovata morta sulla rivela del lago di Bracciano. L'unico indagato, l'ex fidanzato Marco Di Muro, sarebbe "evaso" dai domiciliari a 24ore dalla prima udienza. rintracciato, sarebbe stato portato nel carcere di Rebibbia.

Ventiquattro ore prima dalla prima udienza del processo per la morte di Federica Mangiapelo il fidanzato della ragazza di Anguillara Sabazia (Roma) trovata senza vita il 1 novembre 2012 lungo la spiaggia di Vigna di Valle, sul lago di Bracciano, avrebbe disubbidito agli obblighi di custodia cautelare ai domiciliari. Stando a quanto riporta Il Messaggero, il 16 luglio i Carabinieri non avrebbero infatti trovato in casa Marco Di Muro, unico indagato per il sospetto omicidio di Federica Mangiapelo ed ex fidanzato della giovane. Il ragazzo, dopo essere "evaso" dai domiciliari, sarebbe stato rintracciato poche ore più tardi e quindi portato nel carcere romano di Rebibbia. E da lì, quindi, che questa mattina Marco Di Muro è arrivato al Tribunale di Roma dove si svolgerà a porte chiuse, secondo le regole del giudizio abbreviato, la prima udienza del processo. Massimo, il padre di Federica Mangiapelo, commenta all'Adnkronos: "E' un passo importante, finalmente si arriva davanti a un giudice. Siamo da tanto tempo in attesa che si metta un punto fermo su questa vicenda". Massimo Mangiapelo si è sempre battuto per cercare di arrivare a scoprire la verità di quando accaduto la notte del 1 novembre 2012, ed è anche autore di 'Federica, la ragazza del lago' (Bonfirraro editore), libro che sta presentando in varie città d'Italia e in cui ripercorre le tappe della vicenda.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: