le notizie che fanno testo, dal 2010

Test specializzazioni mediche, Federconsumatori: MIUR non risolve problemi

Federconsumatori sottolinea che "dopo il passo indietro del MIUR sull'annullamento dei test per le specializzazioni mediche, i problemi causati agli studenti rimangono tutt'altro che risolti" e per questo annuncia di essere "a disposizione degli studenti per far riconoscere i loro diritti che, qualunque sia il caso, sono stati oggetto di lesione da parte del Ministero dell'Istruzione e suscettibili anche di risarcimento danni".

"Dopo il passo indietro del MIUR sull'annullamento dei test per le specializzazioni mediche, i problemi causati agli studenti rimangono tutt'altro che risolti" fa notare Federconsumatori, elencandone una parte:
- vi sono gli studenti che, avendo risposto correttamente alle domande annullate, chiedono ora l'attribuzione dei punti;
- vi sono gli studenti che, invece, con l'eliminazione del punteggio ottenuto nelle prove del 29 e del 31 ottobre avrebbero ottenuto l'ammissione;
- vi sono gli studenti che chiedono l'inversione della valutazione delle prove effettuate il 29 ed il 31 ottobre (laddove il punteggio ottenuto fosse invertito, anche escludendo le due domande, verrebbe ottenuta l'ammissione);
- vi sono infine gli studenti che, avendo perso tempo a rispondere a domande che non sono poi servite ai fini del punteggio ottenuto per la prova, vogliono vedersi riconoscere la borsa a prescindere dal punteggio ottenuto.
Per tutti questi motivi, Federconsumatori annuncia quindi di essere "a disposizione degli studenti per far riconoscere i loro diritti che, qualunque sia il caso, sono stati oggetto di lesione da parte del Ministero dell'Istruzione e suscettibili anche di risarcimento danni".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: