le notizie che fanno testo, dal 2010

Olio d'oliva dalla Tunisia: servono etichette chiare, dice Federconsumatori

"Trentacinquemila tonnellate l'anno in più di olio d'oliva, senza dazi, sono in arrivo dalla Tunisia nell'Unione europea. Non esiste una vera minaccia proveniente dall'olio tunisino per i consumatori europei, a patto che le etichette parlino chiaro e rispondano ai criteri di trasparenza", segnala in una nota Federconsumatori.

"Trentacinquemila tonnellate l'anno in più di olio d'oliva, senza dazi, sono in arrivo dalla Tunisia nell'Unione europea. Questo è quanto approvato a larga maggioranza dalla plenaria di Strasburgo, nel piano di aiuti di urgenza al Paese nordafricano. La Tunisia potrà esportare in Europa oltre 70 mila tonnellate di 'oro verde' per due anni senza dazi" illustra in un comunicato Federconsumatori.
Si precisa dunque: "Il provvedimento da un lato rappresenta una misura necessaria, un aiuto al Paese, che dopo gli attentati del Museo Bardo soffre una forte pressione da parte del terrorismo jihadista, in una zona estremamente delicata nello scenario geopolitico."
Viene spiegato quindi: "Dall'altra parte però aiuti economici in questo settore possono avere l'effetto di danneggiare l'economia nazionale, che dalla produzione d'olio d'oliva trae un giro d'affari di milioni di euro ogni anno, vantando, inoltre, un primato d'eccellenza."
"Sono, allora, - espone in conclusione l'associazione dei consumatori- di fondamentale importanza controlli capillari per vigilare le merci in arrivo dalla Tunisia, onde evitare sofisticazioni, che purtroppo possono essere agevolate dalle importazioni senza dazio. Non esiste una vera minaccia proveniente dall'olio tunisino per i consumatori europei, a patto che le etichette parlino chiaro e rispondano ai criteri di trasparenza."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: