le notizie che fanno testo, dal 2010

Federconsumatori a UE: senza scadenza impossibile datare prodotto

Federconsumatori sottolinea che eliminare il termine "da consumarsi preferibilmente entro" dai prodotti a lunga conservazione, come viene proposto in ambito europeo, significherebbe "dire addio a qualsiasi informazione chiara che consenta al cittadino di 'datare' il prodotto".

"L'ipotesi di eliminare completamente la data di scadenza dalle confezioni di pasta, riso e caffè desta grande preoccupazione" sottolinea Federconsumatori, commentando il fatto che nella odierna sedura del Consiglio Agricoltura dell'UE si sta discutendo di rividere le norme sulle etichette di scadenza dei prodotti alimentari per far sparire le scritte "da consumarsi preferibilmente entro" da quelli a lunga conservazione. Per Federconsumatori infatti "eliminare il termine minimo di conservazione dalle etichette di tali prodotti significherebbe dire addio a qualsiasi informazione chiara che consenta al cittadino di 'datare' il prodotto". Togliendo quindi dai prodotti la formula "da consumarsi preferibilmente entro" vorrebbe dire infatti "eliminare del tutto ogni possibilità di risalire alla freschezza del prodotto". Una azienda, infatti, potrebbe mettere in commercio prodotti confenzionati anche molti anni prima. Federconsumatori precisa quindi che "la proposta oggi all'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri dell'Agricoltura a Bruxelles si configura come un vero e proprio tentativo di privare i cittadini di informazioni importanti circa i prodotti che portano in tavola. - ricordando - Tentativo non nuovo all'UE, che da tempo ostacola l'introduzione obbligatoria dell'indicazione di origine per tutti i prodotti alimentari".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: