le notizie che fanno testo, dal 2010

Deflazione confermata a marzo: rimettere in moto domanda interna e mercato occupazionale, dice Federconsumatori

"L'Istat conferma la deflazione a marzo: - 0,2% sull'anno. Un dato che si aggiunge a quello sulla disoccupazione e sulla produzione industriale, comprovando la situazione instabile in cui si trova il nostro sistema economico", illustra in un comunicato Federconsumatori.

"L'Istat conferma la deflazione a marzo: - 0,2% sull'anno. Un dato che si aggiunge a quello sulla disoccupazione e sulla produzione industriale, comprovando la situazione instabile in cui si trova il nostro sistema economico. - riflette in un comunicato Federconsumatori - La domanda interna è in crisi da troppo tempo: basti pensare che dal 2012 al 2015 i consumi hanno registrato una contrazione del 10% (percentuale che equivale a una diminuzione di 75,5 miliardi di Euro di spesa complessiva delle famiglie )".
«Questi fattori allarmanti devono far aprire gli occhi a far riflettere il governo, spronandolo ad adottare misure concrete per rilanciare la domanda interna e rimettere in moto l'intero sistema economico». dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef.
"Rilanciare i consumi, attraverso un aumento ed una redistribuzione dei redditi è necessario al fine di far ripartire il sistema produttivo, creando nuova occupazione. Rimane sempre il lavoro, infatti, la vera piaga del nostro Paese" invitano dall'associazione dei consumatori.
Si osserva quindi: "Per questo è urgente avviare un Piano Straordinario per il Lavoro che disponga i necessari investimenti destinati allo sviluppo tecnologico e la ricerca; alla realizzazione di opere di messa in sicurezza di scuole e ospedali; alla modernizzazione di infrastrutture, reti e trasporti; all'avvio di un programma per lo sviluppo e la valorizzazione dell'offerta turistica nel nostro Paese."
"Tali politiche di rilancio devono, contestualmente, essere accompagnate da interventi determinati sul fronte delle tariffe, da quella idrica a quella dell'energia elettrica. Proprio oggi, infatti, abbiamo segnalato come i cittadini si stiano lamentando degli spropositati aumenti giunti con il nuovo sistema tariffario dell'energia elettrica" si specifica infine.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: