le notizie che fanno testo, dal 2010

Banche venete: perché non salvare anche gli azionisti truffati?

Federconsumatori riflette sul salvataggio delle banche venete.

"I recenti decreti di salvataggio delle due banche veneto hanno sicuramente evitato un crisi di sistema, ma meritano una valutazione più compiuta che sarà possibile non appena i contorni saranno certi e definiti. C'è un elemento, però, che vorremmo porre al centro dell'attenzione pubblica e che, al momento, appare completamente ignorato da parte delle istituzioni e dai media: le forti perdite da parte degli azionisti truffati" viene segnalato in una nota di Federconsumatori.

Dall'associazione dei consumatori fanno dunque sapere: "Mentre per gli obbligazionisti, attraverso un percorso abbastanza tortuoso, si prevedono le dovute garanzie, potendo accedere al fondo di solidarietà ex art. 6 del d.l. 99/17, gli azionisti truffati, a cui sono state piazzati prodotti senza le necessarie informazioni e spesso sotto il ricatto per poter ottenere mutui e prestiti, rimarranno, invece, in possesso di titoli ed azioni dal valore pari alla carta straccia."

"Un nuovo, grave, colpo al sistema finanziario e, più in generale, al sistema del risparmio nel nostro Paese, già minato dagli innumerevoli casi di risparmio tradito che hanno caratterizzato le cronache recenti. Federconsumatori ha richiesto un incontro urgente al ministro Padoan, per rivendicare la definizione di misure di ristoro per gli azionisti truffati. Anche loro sono vittime di un sistema di vigilanza disattento ed assente e, anche a loro, il governo deve dare risposte" si conclude infine.

© riproduzione riservata | online: | update: 29/06/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Banche venete: perché non salvare anche gli azionisti truffati?
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI