le notizie che fanno testo, dal 2010

Antitrust: sanzioni insufficienti a big energia. Sospendere autorizzazioni ad operare nel mercato, chiede Federconsumatori

"L'Antitrust ha multato Acea, Edison, Eni, Enel energia ed Enel servizio elettrico. Pratiche aggressive nella fatturazione dei consumi. Chiediamo che, insieme alle multe, si preveda anche un meccanismo di sospensione delle autorizzazioni ad operare nel mercato per le aziende coinvolte", rivelano in un comunicato Federconsumatori e Adusbef.

"Ci sono volute le numerose segnalazioni che abbiamo inviato senza tregua per far attivare l'Antitrust, che ha multato Acea, Edison, Eni, Enel energia ed Enel servizio elettrico" viene riferito in una nota di Federconsumatori.
"Pratiche aggressive nella fatturazione dei consumi. Questa la motivazione che ha portato alla multa di 14 milioni di euro. I comportamenti scorretti operati dalle aziende sono numerosi e variegati: rateizzazioni sempre più rare; incremento - specificano quindi dall'associazione dei consumatori -, nonostante i contatori elettronici pagati in bolletta dai consumatori, dei consumi presunti."
"E le pratiche commerciali scorrette? E contratti non richiesti? C'è da chiedersi perché l'Autorità per l'Energia - si prosegue inoltre -, che da anni è a conoscenza di tale situazione, non sia intervenuta prima, modificando le norme, specialmente quelle sull'attivazione dei contatti non richiesti, a favore dei cittadini e non a favore delle aziende."

"Gli stessi dati dell'AEEGSI parlano chiaro: vi è stato un aumento esponenziale dei reclami relativi alle pratiche commerciali scorrette avvenuto negli ultimi anni. Su 500 mila reclami scritti pervenuti alle aziende nel 2013, il 70% del totale dei riguardano il Mercato Libero ed il 18% si riferiscono proprio alle pratiche commerciali scorrette. A fronte di questi comportamenti inappropriati, che penalizzano da anni gli utenti, le sanzioni comminate sono del tutto insufficienti. I provvedimenti dell'Antitrust appaiono tardivi e spesso inefficaci. L'importo delle multe, rapportato agli enormi guadagni che le aziende incassano grazie a queste gravi scorrettezze è irrisorio. Al danno si aggiunge, poi, anche la beffa" si continua.
Ricorrendo al TAR le aziende finiscono quasi sempre per scampare al pagamento di tali importi. «Per questo chiediamo che, insieme alle multe, si preveda anche un meccanismo di sospensione delle autorizzazioni ad operare nel mercato per le aziende coinvolte» dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori e Adusbef.

"Il Ministero dello Sviluppo Economico, l'Antitrust e l'AEEGSI sono chiamate a dare risposte urgenti ed efficaci in tal senso, individuando nuove, ma soprattutto efficaci, modalità sanzionatorie. Intanto la nostra attività di denuncia e segnalazione non si arresta. Federconsumatori e Adusbef sono pronte ad andare fino in fondo a tale vicenda, lottando anche contro l'eliminazione del mercato tutelato previsto nel ddl Concorrenza" si puntualizza.
Si chiarisce in conclusione: "Tali dati dimostrano chiaramente, se ce ne fosse ancora bisogno, che il mercato dell'energia è in preda a troppe pratiche scorrette, poca competitività e scarsissima trasparenza, in poche parole non è affatto pronto a prendere il posto del mercato tutelato."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: