le notizie che fanno testo, dal 2010

MySpace venduto per 35 ml: verrà "riempito" da Justin Timberlake

Justin Timberlake ex 'N Sync e vincitore di sei Grammy Award si butta nell'internet biz, mettendoci i soldi, insieme a Specific Media, nel rilevare quello che fu il vero primo vero "social web" di massa: MySpace. Nel 2005 MySpace era stato comprato per 580 milioni di dollari.

Una volta essere "social" sul web significava avere un proprio spazio e quindi "avere MySpace". Essere "social" ovviamente era per molti ma non per tutti. Il web 2.0, quello segnato dalle persone che incominciavano a "fare amicizia" attraverso la musica e la sua condivisione, si è poi spostato verso altri lidi, come Facebook, dove non serve "avere qualcosa da offrire per condividere" quanto semplicemente "essere" per condividere, semplicemente, "se stessi". Così, in un certo senso, MySpace è diventato di colpo troppo "pesante" da gestire per tutti coloro che stavano dentro "lo spazio" solo per "egotainment", come lo chiama il filosofo Ernest Kattens. La propagazione virale di Facebook, aiutata dall'indicizzazione di Google e dalla smania di vedere ciclicamente che faccia aveva (e che fine aveva fatto) il proprio compagno di scuola delle elementari, ha fatto il resto. E MySpace ne ha certamente fatto le spese, dato che, comprato nel momento di massima gloria per 580 milioni di dollari nel 2005 dalla News Corporation di Rupert Murdoch, viene "svenduto" a 35 milioni di dollari. I compratori sono una conosciuta società specializzata in pubblicità (in vena di shopping da qualche tempo), la Specific Media, e un azionista d'eccezione che, oltre ad aver comprato delle quote, farà da "direttore artistico" del nuovo prodotto "social": Justin Timberlake. MySpace aveva tentato il restyling del layout, del logo (è infatti my seguito da uno spazio vuoto), inclusa l'"umiliante osmosi dei contatti" con Facebook, ma niente ha arrestato il declino della piattaforma, passata ormai di moda. Ma quale sarà il futuro di MySpace firmato fratelli Vanderhook (cioè Specific Media) e Justin Timberlake? In un comunicato ufficiale i due soggetti rivelano che "intendono trasformare Myspace in una destinazione digitale di prim'ordine per spettacoli, contenuti video e musica originali" e ovviamente "Specific Media attingerà inoltre all'infrastruttura per il networking sociale di Myspace per l'implementazione di campagne pubblicitarie socialmente attivate, permettendo in tale modo ai marchi di diffondere le loro campagne promozionali consentendo agli utenti di condividere con amici le loro inserzioni pubblicitarie preferite". Il rilancio di MySpace potrebbe passare poi dalla costruzione di eventi mediatici dove il portale che fu di Murdoch (che comunque rimane con una piccola quota nella compagine azionaria), sarà la piattaforma "esclusiva", magari con live di grandi artisti "blended", dove i concerti saranno sia "virtuali" che "reali" e "interattivi" allo stesso tempo. Insomma un MySpace tutto da reinventare, e non solo da "riordinare", come era stato tentato nel recente passato.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: