le notizie che fanno testo, dal 2010

Lamberto Sposini: su Facebook e Wikipedia "sciacallaggio" sul malore

Lamberto Sposini è stato colto da un brutto malore, tanto da essere operato per una emorragia cerebrale e attualmente in coma farmacologico. Le condizioni del giornalista restano gravissime, e mentre molti sul web lo invitano a "non mollare" altri fanno dello "sciacallaggio".

Lamberto Sposini è stato colto ieri 29 aprile da un brutto malore poco prima di andare in onda con la sua "La vita in diretta". Il giornalista si è improvvisamente accasciato a terra, pare perdendo anche sangue dalla bocca. Dopo l'arrivo del 118, Lamberto Sposini è stato prima ricoverato all'ospedale Santo Spirito per poi essere trasferito d'urgenza al policlinico Gemelli di Roma, dove è stato operato per una emorragia cerebrale, riuscita ma che non permette ancora di valutare con precisioni le condizioni del giornalista, attualmente in gravissime condizioni e in coma farmacologico. Appena saputa la notizia colleghi e amici si sono stretti intorno alla famiglia di Lamberto Sposini, e molti hanno fatto visita al giornalista ricoverato in ospedale. Sul web molti attestati di solidarietà, anche se non sono mancati atti di sciacallaggio. Solo dopo pochi minuti dalla diffusione della notizia, qualcuno aveva scritto sulla pagina di Lamberto Sposini della popolare enciclopedia del web Wikipedia che il giornalista era "morto in seguito a un malore". I gestori di Wikipedia, una volta accorti del brutto gesto (forse dietro segnalazione) hanno immediatamente bloccato la pagina rendendola modificabile solo agli iscritti "verificati" che sembra venga adottato quando "in presenza di 'gravi atti di vandalismo' ", come ripota l'Agi. I gestori della celebre enciclopedia on-line hanno bloccato la pagina rendendola modificabile solo agli iscritti 'verificati'. Un provvedimento che, si legge sulla 'politica di protezione delle pagina', viene adottato in presenza di "gravi atti di vandalismo". Anche su Facebook è nato un macabro gruppo dal nome "Addio Lamberto Sposini", con oltre 140 iscritti, alcuni dei quali, però, solo per protestare contro un atto che per molti sa di sciacallaggio, tanto che un utente ha anche creato un "contro il gruppo Addio Lamberto Sposini" per augurare a Sposini di "non mollare".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: