le notizie che fanno testo, dal 2010

Facebook: sesso in cambio di voti. Arrestato professore informatica

Un professore di un Istituto tecnico commerciale di Piacenza è in carcere perché accusato di aver avuto atti sessuali con una studentessa minorenne in cambio di voti.

Un professore di informatica, di un l'Istituto tecnico commerciale di Piacenza, è stato arrestato con l'accusa di atti sessuali con una minorenne con l'aggravante dell'affidamento per motivi di istruzione. A questo, si aggiungerebbe anche un tentativo messo in atto nei confronti di un'altra minore, tutte sue studentesse.
Secondo l'accusa, infatti, il professore di informatica adescava le studentesse su Facebook, chiedendo rapporti sessuali in cambio di buoni voti in pagella.
Le indagini sono iniziate a marzo, a quanto pare perché il professore manifestava anche in classe atteggiamenti morbosi nei confronti di alcune studentesse, proponendo spesso battute a sfondo sessuale.
La polizia postale pare che abbia rintracciato su Facebook le prove di alcune richieste di sesso orale nei confronti di una studentessa minorenne, di 16 anni, nel periodo compreso tra il dicembre 2010 e il gennaio 2011.
Al rifiuto della studentessa, sembra che l'insegnate di informatica l'abbia più volte intimata a non raccontare niente alle amiche.
Sempre secondo l'accusa, poi, nell'ottobre 2011 il professore riuscì ad intrattenere una relazione con un'altra studentessa, sempre minorenne, avendo con lei un rapporto completo.
Secondo la polizia postale, l'insegnante, ora in carcere in attesa del processo, cambiava spesso profilo Facebook per evitare di essere scoperto, e chiedeva di fare la stessa cosa anche alla studentessa caduta nella sua trappola.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# carcere# Facebook# Piacenza# rapporti sessuali# sesso