le notizie che fanno testo, dal 2010

Facebook rende tristi? Colpa dell'invidia

Uno studio rivela che la maggior parte degli utenti che usano regolarmente Facebook si troverebbe in uno stato di depressione . Questo perchè gli utenti giudicano gli "amici" del social da foto e "stati" che dimostrerebbero che sono più "felici" di loro.

Un team di cervelloni dell'università statunitense Utah Valley ha stabilito che chi utilizza Facebook in modo regolare nella sua vita è più triste rispetto a chi non ne fa uso.
Il motivo? In sostanza si tratta di invidia. Questo perché Facebook offre solo una rapida occhiata della vita degli altri "amici", che spesso non piace a chi la osserva.
Una ricerca intitolata "They Are Happier and Having Better Lives than I Am" (ovvero "Loro sono più felici e hanno una vita migliore della mia") parla appunto di come l'utilizzo di Facebook cambi la percezione della vita degli altri, sottolineando come gli utenti dell'onnipresente social network pongano la maggior parte della loro attenzione (da cui risulta il loro giudizio) sulle foto "allegre" e sulla "prosopopea" degli "stati" pubblicati sul profilo degli "amici". Lo studio ha portato ad intervistare 400 studenti e la maggior parte di coloro che utilizzano Facebook si è detta più propensa a pensare che i loro amici siano più felici di loro, arrivando addirittura ad avere la percezione di un vita ingiusta.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# Facebook# ricerca# social network