le notizie che fanno testo, dal 2010

Facebook: "panic button" contro il "grooming" dei pervertiti

Facebook in collaborazione con il Ceop inglese, Child Exploitation Online Protection Centre, inventa e rende disponibile in Inghilterra un bottone anti panico, un "panic button" perché i minorenni segnalino gi adulti che fanno "grooming" ovvero cercano di manipolarli e adescarli on line.

Un Pulsante "antipanico", in inglese "panic button" sarà, se installato, sempre presente sulle pagine di Facebook inglesi per proteggere i minori dai "pervertiti". Questo bottone antipanico, che sostituisce essenzialmente il semplice "esci" del browser che probabilmente gli utenti non sanno più usare, è la ricetta inventata contro "il molestatori on line" dallo stesso Facebook e dal Child Exploitation Online Protection Centre (Ceop) inglese. Il tasto provvederà a comunicare a Facebook il possibile molestatore per poi procedere ad una verifica e poi non si sa che altro.
Il social media del fascinoso Mark Zuckerberg che conta nel mondo oltre 200 milioni di utenti inaugura questa nuova "applicazione" che favorirà la "protezione" dei ragazzi tra i 13 e i 18 anni da quelli che una volta si chiamavano "maniaci" e che ora si dilettano a manipolare i minorenni per acquistarne la fiducia e poi tentarne l'abuso (tecnica deta del "grooming").
Barbara Saltamartini, deputata responsabile delle pari opportunità del Pdl commenta alla stampa il suo favore per questo "bottone" proprio perché è uno strumento capace di denunciare l'adescamento on line, il grooming appunto.
Joanna Shields, il vicepresidente europeo di Facebook, commenta la nuova invenzione del leader dei social network come "una nuova soluzione per aiutare i più giovani ad essere al sicuro online". Ricordiamo che in Inghilterra il "grooming" è già un reato punibile dalla legge, mentre in Italia ancora no.
Il vero problema, secondo alcuni è che dei minorenni non dovrebbero trovarsi da soli a contatto con "media" così complessi come i "social network", temibili anche per gli adulti.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: