le notizie che fanno testo, dal 2010

Facebook e gli "speculatori di emozioni": i rischi del bottone "dislike"

Marck Zuckerberg ammette di stare pensando di implementare Facebook non solo con il bottone "dislike" (non mi piace) ma anche con altri pulsanti in grado di far esprimere all'utente "una gamma più ampia di emozioni". Il rischio, però, è che i profili e i contenuti di Facebook entrino nel mirino degli "speculatori" di "emozioni".

Dopo tante indiscrezioni, è lo Stesso Mark Zuckerberg a rivelare che Facebook starebbe davvero pensando di implementare al social network il "dislike", una sorta di bottone con cui gli utenti possono segnalare che un determinato contenuto proprio "non piace". Parlando ad un incontro "Q&A" (Questions and Answers) in California, Mark Zuckerberg ha infatti ammesso che il bottone "dislike" è tra le richieste più frequenti che arrivano dagli utenti di Facebook. Lo staff del social network, però, non vuole che il bottone "dislike" diventi un modo per denigrare i messaggi delle persone, e per questo Zuckerberg spiega di stare pensando di implementare Facebook con dei pulsanti per poter "esprimere una gamma più ampia di emozioni". Questo perché, prosegue il fondatore di Facebook, molte volte "le persone condividono momenti tristi della loro vita e gli utenti non se la sentono di premere il 'mi piace' (like, ndr) perché non rappresenta il sentimento adeguato alla situazione". Visto che attualmente, nonostante gli sforzi di Facebook per contrastarlo, c'è un vero "mercato" dei "mi piace" è da capire se anche gli altri bottoni entreranno nel mirino degli "speculatori" di "emozioni". Il rischio, infatti, è che un profilo Facebook possa essere "attaccato" da migliaia di "dislike" da chi non condivide (ideologicamente, politicamente, religiosamente) i contenuti che posta, compromettendone non solo la reputazione social (che al giorno d'oggi sembra essere più importante di quella reale) ma anche l'eventuale business derivante dalla pubblicità.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: