le notizie che fanno testo, dal 2010

Facebook: Zuckerberg raddoppia tesoretto personale: da 7 a 14 mld

Mark Zuckerberg sempre più ricco. Con la nuova valutazione di Facebook da parte di Goldman Sachs, Mark Zuckerberg diventa uno dei venti uomini più ricchi del mondo. Da circa 7 miliardi a quasi 14 miliardi di dollari.

Una delle banche d'affari più importanti e prestigiose del mondo, la Goldman Sachs, ha valutato Facebook circa 50 miliardi di dollari mettendo di tasca propria nel "patrimonio" del sito di Mark Zuckerberg ben 500 milioni di dollari.
La Goldman Sachs oltre ad essere consulente di molti governi (capita spesso che i dirigenti o i consulenti della banca d'affari diventino poi Presidenti del Consiglio come Romano Prodi o Governatori della Banca d'Italia come Mario Draghi) ha anche portato in Borsa società come Yahoo! e NTT Docomo.
La valutazione di Facebook e l'investimento milionario della banca americana porta quindi a pensare che Facebook voglia fare il grande salto nella Borsa "ufficiale", lasciando quella "ombra" in cui sguazza, anche perché le sue dimensioni renderebbero ormai obbligatorio il passaggio.
A Zuckerberg ovviamente rimangono oneri e onori. Difatti la valutazione di 50 miliardi di dollari porta non solo al raddoppio della sua ricchezza (il suo tesoretto personale stimato si raddoppia da 7 a 14 miliardi di dollari circa) ma fa salire gli appetiti di tutti quelli che pensano che l'idea di Facebook non sia farina del sacco di Zuckerberg (come si può intravedere anche dal film The social Network).
I primi a farsi avanti a fronte della "nuova valutazione" della Goldman Sachs sono proprio i famosi gemelli Winklevoss che vogliono rimettere in discussione l'accordo da 65 milioni di dollari che avevano raggiunto con Zuckerberg. Loro avevano, in cambio di 20 milioni cash e il resto in azioni, rinunciato alla rivendicazione di aver "inventato" Facebook, ma ora alla luce della "gallina dalle uova d'oro", gli accordi sembrano scritti col succo di limone.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: