le notizie che fanno testo, dal 2010

Divorzio tra Facebook e Farmville

L'idillio tra Facebook e Farmville, gioco prodotto da Zynga, sembra che stia per terminare. Facebook, infatti, pretende il 30% dei guadagni ottenuti dal social game.

Divorzio in vista tra Facebook e Farmville. Sembrava un connubio indissolubile quello tra il gioco on line che vanta 83 milioni di utenti al mese e il il sito sociale più popolare al mondo.
Invece, se il contenzioso tra la direzione del social network e la società produttrice Zynga del social game Farmville non troveranno un accordo, nelle prossime settimane forse Facebook non lo ospiterà più.
A troncare l'amore è il puro interesse. Facebook, infatti, pretende di prelevare il 30% su tutte le transazioni finanziarie che avvengono attraverso i giochi collegati alla piattaforma.
In passato non era così, per questo la californiana Zynga non ci sta a questo cambiamento.
Farmville è in realtà gratuito, ma se si vogliono coperare dei crediti o delle cose per il gioco si utilizza la carta di credito. E' così che Zynga, e tante altre come lei, hanno i propri ricavi.
Il social network si è allora fatto furbo, e ha introdotto i Facebook Credits, cioè una moneta virtuale da utilizzare per tutti i giochi. In tal modo preleverà direttamente il 30% dei guadagni. Percentuale "proibitiva" per Zynga.
Il Time ha scritto che Facebook avrebbe anche fatto delle pressioni su Zynga per far girare Farmville solo sulla sua piattaforma e quindi accaparrarsi tutti gli utenti.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: