le notizie che fanno testo, dal 2010

Carramba che Facebook riunisce fratelli separati da 55 anni

Facebook riunisce due fratelli separati che avevano perso ogni tipo di contatto da oltre 50 anni. Uno era rimasto in Sicilia mentre l'altro era scomparso negli USA. Si muove la figlia 2.0 ed è subito un "Carramba che Facebook".

Facebook unisce ciò che la vita separa. Potrebbe essere questo il prossimo "claim" di Mark Zuckerberg dopo che sarà venuto a conoscenza della storia di due fratelli di Termini Imerese (Palermo) separati ormai da 55 anni senza che nessuno dei due avesse mai più avuto notizie dell'altro. i due fratelli siciliani Antonino e Calogero Iannello sono stati separati nel 1955, quando rispettivamente avevano 11 e 3 anni. Rimasti orfani di madre, infatti, il padre dei due fratellini dovette affidare il più piccolo ad un cugino che emigrò negli USA, a Chicago. Per circa due anni il padre dei due bambini, rimasto in Sicilia, e questo cugino emigrato negli States mantennero dei rapporti epistolari, che improvvisamente si interruppero. Dal 1957, infatti, l'uomo non seppe più niente del piccolo Calogero, nonostante fosse andato anche alla sua ricerca organizzando un viaggio negli USA.
Per oltre 50 anni, quindi, i due fratelli Antonino e Calogero Iannello hanno vissuto separati non conoscendo l'uno la sorte dell'altro, nonostante la voglia di riabbracciarsi, così come la speranza, non scemò mai, forse soprattutto in Antonino che era il più grande quando si separano. E' infatti stata una figlia di Antonino, Ilaria, ha mettersi alla ricerca dello zio scomparso e mai conosciuto. Naturalmente, visti i tempi 2.0, il primo luogo dove andare a cercare una persona che non si vede da tempo e con cui non si hanno più dei contatti (per tanti motivi) è Facebook. Ilaria quindi, dopo qualche tentativo, è riuscita a rintracciare il profilo dello zio e anche quello dei suoi quattro cugini americani. I due fratelli, quindi, si sono immediatamente rincontrati via Skype con una webcam, ma hanno già in progetto di rivedersi presto non solo virtualmente. Una bella storia con lieto fine per un prossimo film che potrebbe intitolarsi "Carramba che Facebook".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: