le notizie che fanno testo, dal 2010

Corona: pena ridotta ma non orgoglioso di essere italiano

Gli poteva andare peggio ma Fabrizio Corona è categorico nel commentare la riduzione di pena emessa dalla Corte d'Appello di Milano, che gli ha diminuito la condanna ad 1 anno e 5 mesi: "Non sono contento per un c...." e afferma: "Non sono orgoglioso di essere italiano".

Gli poteva andare peggio ma Fabrizio Corona è categorico nel commentare la riduzione di pena emessa dalla Corte d'Appello di Milano, che gli ha diminuito la condanna da 3 anni e 8 mesi ad 1 anno e 5 mesi: "Non sono contento per un c....".
Nonostante i giudici del processo per Vallettopoli lo abbiano anche assolto dalla presunta estorsione ai danni del calciatore Coco e da quella tentata ai danni del motociclista Melandri, quindi da 2 dei 4 capi di imputazione, Fabrizio Corona afferma che continuerà a lottare "fino alla fine".
"La magistratura avrà detto 'Magari lo assolviamo in Cassazione', ma io non sono contento per nulla", spiega Corona affermando che "bisogna fare così se si crede in qualcosa. In questo Paese se uno crede in qualcosa e crede di essere innocente, non importa contro chi combatte, la Presidenza del Consiglio o la Fiat, ma deve andare avanti".
Fabrizio Corona continua a reputare "allucinante" la condanna per il caso del calciatore Adriano tanto che anche dopo questa sentenza, come era già successo a seguito di quella in primo grado, afferma deciso: "Non sono orgoglioso di essere italiano".
Sulla testa di Corona non pende però solo questa condanna. Attualmente è condannato a 3 anni e 4 mesi dal Tribunale di Torino per un fotoricatto ai danni del calciatore David Trezeguet, poi ci sarebbe la condanna a 1 anno e 8 mesi per corruzione di una guardia penitenziaria, quella a 1 anno e 6 mesi per detenzione e smercio di banconote false e un'altra condanna per minacce a un vigilo urbano. Sembra poi, come riporta La Repubblica, che la Procura di Milano stia per rinviare a giudizio Fabrizio Corona per evasione fiscale e bancarotta.
Durante la lettura della sentenza il fidanzato di Belen Rodriguez, sentendo di essere stato assolto per i primi due capi di imputazione, ha sbattuto i pugni sul tavolo in segno di soddisfazione per poi capire che il verdetto non era ancora concluso.
"Ho esultato troppo presto - ha spiegato poi Corona ai giornalisti - non sono abituato ad ascoltare le sentenze fino alla fine".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: