le notizie che fanno testo, dal 2010

Occupazione abusiva: sentenza magistratura è rivoluzionaria, dice Rampelli (FdI)

Fabio Rampelli di Fratelli d'Italia commenta una sentenza sul palazzo di Via Curtatone a Roma.

"Ancora una volta è la magistratura a dare una lezione alla politica, in questo caso specialmente a quella sinistra che da sempre mantiene rapporti promiscui e di comodo con quell'arcipelago di centri sociali e movimenti per la casa che ne hanno segnato le fortune elettorali. Questione nota e stratificata cui di recente si è aggiunto il cospicuo numero di immigrati 'invisibili' strumentalizzati allo stesso modo dei senza casa italiani. - riporta in una nota Fabio Rampelli, capogruppo di Fratelli d'Italia alla Camera - Si tratta di una vera e propria rivoluzione di civiltà, che ripristina i diritti costituzionali fin qui vergognosamente ignorati dalle istituzioni e mette tutti i proprietari di case allo stesso livello".

"Per capirci la società che non è riuscita a mettere a reddito per quattro anni il noto gigantesco palazzo di Via Curtatone a Roma avrà il risarcimento per il danno subito e, stessi diritti, saranno riconosciuti ai piccoli proprietari di seconde case di villeggiatura a Castel Volturno, quelle invase illegalmente dagli immigrati. - specifica - Il valore economico riconosciuto con il risarcimento automaticamente configura il reato di danno erariale per le istituzioni che non provvedessero a liberare gli immobili di proprietà pubblica. Ora lo Stato provveda con urgenza a sgomberare tutti gli edifici, pubblici e privati, occupati con la forza dagli abusivi dell'ultrasinistra."

© riproduzione riservata | online: | update: 12/12/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Occupazione abusiva: sentenza magistratura è rivoluzionaria, dice Rampelli (FdI)
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI