le notizie che fanno testo, dal 2010

Bail-in incostituzionale: governo lo faccia saltare in Europa, chiede Rampelli (FdI)

Il bail-in è palesemente incostituzionale.

"La salvaguardia del sistema del credito non ha a che fare soltanto con l'economia - dichiara in una nota l'esponente di FdI-An Fabio Rampelli -, ma con i valori di indipendenza e sovranità che lo accompagnano. Sono valori insopprimibili e indisponibili ai governi che, per definizione, sono pro tempore. Un estroverso Presidente del Consiglio per rifarsi la verginità con Angela Merkel ha frettolosamente dato il via libera dell'Italia alla norma del bail-in nel 2015 scaricando su azionisti, obbligazionisti e perfino correntisti, i rischi del fallimento delle banche e del Monte Paschi Siena dovuto a scelte politiche e clientelari."

"Questa direttiva è palesemente incostituzionale perché viola l'art. 47 della sul valore del risparimio - riporta infine l'onorevole di Fratelli d'Italia -, l'articolo 3 perché crea disparità di trattamento tra azionisti e correntisti, l'art. 42 sulla tutela della proprietà privata che può essere espropriata ma solo con adeguato indennizzo e quando attengono a interessi generali. Quindi esiste solo una soluzione, liberare l'Italia dal ricatto europeo e darle la libertà di accedere al libero mercato per risanare e riformare il suo sistema bancario senza precludersi la possibilità dell'intervento pubblico. Già questa possibilità, senza essere utilizzata, allontanerebbe quegli avvoltoi della speculazione che sono pronti a mangiarsi l'Italia."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: