le notizie che fanno testo, dal 2010

A Palazzo Curtatone sgombero è atteso da 6 mesi, denuncia Rampelli (FdI)

"Stiamo organizzando 'tour' per giornalisti con soste di fronte agli stabili più rappresentativi degli oltre 100 immobili occupati. Aspettiamo lo sgombero di Palazzo Curtatone da 6 mesi. Adesso basta, la misura è colma", commenta in un comunicato Fabio Rampelli, deputato di Fratelli d'Italia.

"Stiamo organizzando 'tour' per giornalisti con soste di fronte agli stabili più rappresentativi degli oltre 100 immobili occupati. Aspettiamo lo sgombero di Palazzo Curtatone da 6 mesi. Adesso basta, la misura è colma. In nessun Paese civile degli stranieri possono entrare clandestinamente, occupare stabili di privati calpestando il diritto costituzionale alla proprietà, palazzi oltretutto tutelati dalla Sovrintendenza" denuncia Fabio Rampelli.
"In nessun Paese dell'Occidente si possono violare tutte le norme di sicurezza e rischiare di far saltare in aria un intero edificio da un momento all'altro. - osserva anche l'esponente di Fratelli d'Italia - Da nessuna parte si può ignorare la relativa richiesta di sgombero dei Vigili del Fuoco, realizzare lo sfruttamento della prostituzione e del lavoro nero, lo spaccio di droga, né sarebbe possibile che gli stranieri paghino un affitto illegale a un'organizzazione delinquenziale mascherata da movimento politico di sinistra. Da nessuna parte si possono impedire l'accesso alle forze dell'ordine a un'ala intera del fabbricato, gestire da quell'area il traffico di uomini organizzando e formando gli scafisti tanto da essere intercettati e arrestati dalla Guardia Costiera".
"Tutto questo non a Lampedusa ma alla Stazione Termini, - sottolinea Rampelli - beffando Questore di Roma e Ministro degli Interni, distanti 400 metri in linea d'aria dal luogo del 'delitto'. La Prefettura dice che occorre prima sapere dove trasferire i circa 500 occupanti, noi invece diciamo che le attività investigative dovrebbero aver condotto a precisi reati incompatibili con la permanenza in Italia. Chi li commette quotidianamente deve essere rimpatriato immediatamente, mentre va data ospitalità alle poche decine di ospiti presenti a Palazzo Curtatone accudite dalla cosiddetta 'Mamma Africa', una volontaria eritrea che si occupa dei suoi connazionali a Roma".
"Fratelli d'Italia organizzerà a breve un tour cittadino per giornalisti con soste di fronte agli immobili più rappresentativi degli oltre 100 stabili occupati" rende noto infine.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: