le notizie che fanno testo, dal 2010

FMI: nel 2035 Italia sarà come nel 2008. Una generazione sarà persa

Altro che ripresa. Per tornare ai livelli del 2008 (quando l'Italia era già in crisi da anni) ci vorranno infatti almeno 20 anni. Sono queste le nere previsioni del Fondo Monetario Internazionale che avverte: "L'elevata disoccupazione giovanile potrebbe anche danneggiare il potenziale del capitale umano, e dare origine a una 'generazione perduta' ".

Altro che ripresa. Per tornare ai livelli del 2008 (quando l'Italia era già in crisi da anni) ci vorranno infatti almeno 20 anni. Sono queste le nere previsioni del Fondo Monetario Internazionale, messe nero su bianco nel suo rapporto sullo stato dell'Eurozona. Il FMI crede infatti che il tasso di disoccupazione in Italia resterà in questi anni "più alto di quello visto durante la crisi" perché il potenziale di crescita, stimato nell'1%, è troppo basso per recuperare tutto ciò che si è perso in questi anni. Il FMI avverte infatti che "l'elevata disoccupazione giovanile potrebbe anche danneggiare il potenziale del capitale umano, e dare origine a una 'generazione perduta' ". In sostanza, a causa delle fallimentari politiche per la ripresa l'Italia sta sacrificando almeno una generazione, paradossalmente quella che un domani dovrà pagare la pensione a chi oggi ancora se la sta godendo lasciando il peso della crisi economica sulle spalle dei propri figli. Il dato poi che nel 2035 gli italiani si ritroveranno nella stessa situazione del 2008 non è certo confortante.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: