le notizie che fanno testo, dal 2010

Ermal Meta ai giornalisti albanesi: non speculate sulla mia vita

Ermal Meta in un post scritto in albanese su Facebook si rivolge ai giornalisti del suo Paese d'origine che starebbero indagando sull'infanzia del cantante.

"Messaggio per tutti i giornalisti albanesi" scrive su Facebook nella sua lingua d'origine Ermal Meta, vincitore con Fabrizio Moro del Festival di Sanremo 2018 con il brano "Non mi avete fatto niente".

"Non speculate sulla mia vita, non sapete nulla della mia vita" è l'appello del cantante. "Quando ho usato la parola 'bastardo' in quell'intervista non ho fatto alcun nome. Non aggiungete quel nome perché commettereste un errore non solo nei miei confronti ma anche con la famiglia della persona di cui stai scrivendo o parlando" chiarisce Ermal Meta.

Dopo la vittoria di Sanremo, Ermal Meta in una intervista per Rai1 ha infatti ammesso: "Quando ho cantato per la prima volta il ritornello mi è venuta in mente la mia infanzia. Volevo cantare: 'Bastardo, non mi hai fatto niente'". Il riferimento sembra quindi essere diretto al padre, raccontato come un uomo violento anche nelle canzoni "Lettera a mio padre" e "Vietato morire", quest'ultima arrivata terza nella passata edizione del Festival.

Ermal Meta quindi puntualizza: "La canzone che ha vinto il Festival di Sanremo è contro il terrorismo, nient'altro. - concludendo - Spero di non leggere queste cose".

© riproduzione riservata | online: | update: 13/02/2018

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Ermal Meta ai giornalisti albanesi: non speculate sulla mia vita
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI