le notizie che fanno testo, dal 2010

Sanatoria cartelle Equitalia: CdM conferma proroga scadenza al 31 marzo 2014

Il Consiglio dei Ministri reintrodice la proroga della scadenza della sanatoria delle cartelle Equitalia, e ne allarga anche il campo di applicazione. Il contribuente avrà quindi tempo fino al 31 marzo 2014 per pagare in un'unica soluzione le cartelle iscritte e ruolo entro il 31 ottobre 2014 senza interessi di mora e interessi di ritardata iscrizione a ruolo.

Proprio all'ultimo giorno, il governo Renzi in Consiglio dei Ministri ha confermato la proroga della scadenza della sanatoria delle cartelle Equitalia, che ne allarga anche il campo di applicazione. Dopo che il 26 febbraio il decreto Enti locali (il cosiddetto Salva Roma) era stato ritirato dal governo, era decaduto anche l'emendamento che prorogava dal 28 febbraio al 31 marzo 2014 la sanatoria delle cartelle Equitalia. Con il decreto emesso oggi dal CdM, invece, ci sarà di nuovo tempo, per tutti i contribuenti, fino al 31 marzo per saldare in un'unica soluzione le cartelle Equitalia iscritte a ruolo fino al 31 ottobre 2013 senza interessi di mora e interessi di ritardata iscrizione a ruolo. Le agevolazioni sono applicabilili alle cartelle relative a tributi erariali, bolli auto e multe stradali, ma sarà inoltre possibile avvalersi della facoltà della sanatoria anche laddove il debito tributario derivi da ingiunzione fiscale indipendentemente dalle modalità di riscossione. Continuano invece ad essere esclusi dalla sanatoria Equitalia i pagamenti dei contributi ad enti previdenziali quali l'Inail e l'Inps nonché le somme dovute in seguito ad una condanna della Corte dei Conti. La definizione agevolata continua infine ad essere applicabile anche in presenza di rateizzazioni, sospensioni giudiziali o altre situazioni particolari.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: