le notizie che fanno testo, dal 2010

Equitalia: da 2015 rateizzazioni debiti già precompilati in cartella

Sempre più italiani scelgono di pagare i debiti con il fisco a rate. Circa 76,9% delle rateizzazioni in essere riguarda persone fisiche, il restante 23,1% riguarda società e partite IVA. Equitalia annuncia quindi che a partire dal 2015 cominceranno a essere notificate le cartelle esattoriali con allegati i piani di rateizzazione precompilati del debito.

Sempre più italiani scelgono di pagare i debiti con il fisco a rate. Così, Equitalia annuncia che a partire dal 2015 cominceranno a essere notificate le cartelle esattoriali con allegati i piani di rateizzazione precompilati del debito che possono essere concessi in base ai parametri previsti dalla legge. In questo modo il contribuente potrà scegliere, senza recarsi necessariamente agli sportelli Equitalia, di saldare in un’unica soluzione oppure aderire al piano di pagamento più adatto alle sue esigenze e alle sue disponibilità economiche. Equitalia sottolinea infatti che la rateizzazione si conferma lo strumento più utilizzato dai contribuenti per pagare le cartelle. Nello scorso mese di luglio, inoltre, si è registrato il record di 156mila richieste, con una media settimanale pari a circa il doppio di quella registrata nei primi sei mesi dell’anno. Ad oggi sono quindi attive 2,4 milioni di rateazioni per un controvalore di 26,6 miliardi di euro. Più della metà delle riscossioni di Equitalia oggi avviene tramite il pagamento dilazionato. Circa 76,9% delle rateizzazioni in essere riguarda persone fisiche, il restante 23,1% riguarda società e partite IVA. Considerando gli importi, il 65,9% è stato concesso a imprese e il 34,1% a persone fisiche. Il 70,8% delle rateizzazioni riguarda debiti fino a 5 mila euro, il 26,2% debiti tra 5 mila e 50 mila euro e il 2,9% oltre 50mila euro. E' la Lombardia a guidare la "classifica" delle regioni con oltre 384mila rateizzazioni attive per un importo di 5,5 miliardi di euro, seguita dal Lazio (305mila per un importo di 3,7 miliardi), dalla Campania (265mila per un importo di 3,2 miliardi di euro) e dalla Toscana (231mila per un importo di 1,9 miliardi).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# debiti# Equitalia# euro# fisco# imprese# Lazio# partite IVA# record