le notizie che fanno testo, dal 2010

Cgia: bocciata sospensione cartelle Equitalia per chi ha crediti con PA

La scorsa settimana un emendamento presentato dal MoVimento 5 Stelle aveva introdotto la sospensione della cartelle per gli imprenditori creditori verso la Pubblica amministrazione. La Cgia di Mestre informa però che la Ragioneria di Stato ha bocciato la norma, ma è stato approvato un nuovo emendamento che prevede la compensazione dei debiti fiscali con i crediti verso lo Stato.

La scorsa settimana un emendamento presentato dal MoVimento 5 Stelle aveva introdotto la sospensione della cartelle per gli imprenditori creditori verso la Pubblica amministrazione. La Cgia di Mestre, però, spiega che "la Ragioneria di Stato, tuttavia, aveva eccepito che l'ipotesi avrebbe determinato un introito fiscale inferiore alla previsioni", sottolineando come il Parlamento abbia di conseguenza provveduto a modificare ulteriormente il testo. Le cartelle esattoriali (di Equitalia) nei confronti di quegli imprenditori che vantano crediti nei confronti delle pubbliche amministrazioni non saranno quindi più sospese per l'anno 2014. Tuttavia, precisa la Cgia di Mestre, sarà possibile ottenere la compensazione dei debiti fiscali con i crediti verso lo Stato, come stabilito da un ulteriore emendamento al decreto Destinazione Italia. La compensazione, a differenza della sospensione, dovrà però essere effettuata "nel rispetto degli equilibri di finanza pubblica", precisa la Cgia, che spiega come i crediti dovranno essere 'certi, liquidi ed esigibili, per somministrazione, fornitura, appalti e servizi, anche professionali, maturati nei confronti della pubblica amministrazione e certificati secondo le modalità previste dai decreti del Ministro dell'economia e delle finanze' ". Per rendere effettiva la procedura, però, il ministero dell'Economia dovrà emanare un decreto attuativo entro 90 giorni dall'entrata in vigore della legge. Per il momento, dal MoVimento 5 Stelle nessun commento.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: