le notizie che fanno testo, dal 2010

Totò Riina morto al 41 bis: muore da perdente, dice Rossi (MDP)

Enrico Rossi, esponente di MDP, sulla morte di Totò Riina.

"Muore Salvatore Riina, capo di Cosa Nostra. Un boia responsabile di enormi delitti. Muore da perdente. Tra i suoi crimini anche l'attentato di via dei Georgofili a Firenze, il 27 maggio 1993 (5 morti e 48 feriti). Lo stragismo mafioso fu concepito allora anche per ricattare lo Stato in cambio dell'abolizione del carcere duro e del 41 bis, che avrebbe consentito alla mafia di ricostruire la sua trama" ricorda su Facebook Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana e tra i fondatore di Articolo Uno - MDP.

"Giovanna Maggiani Chelli, portavoce dell'Associazione dei familiari delle vittime di via dei Georgofili, ha commentato la morte di Riina con parole lapidarie, che condivido e riporto qui: 'Abbiamo speso 25 anni della nostra vita e non ce l'ha fatta, Totò Riina, a fare abolire sulla carta bollata il carcere duro. È morto in regime di detenzione 41 bis, questo è quanto dovevamo ai nostri morti'", conclude.

© riproduzione riservata | online: | update: 17/11/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Totò Riina morto al 41 bis: muore da perdente, dice Rossi (MDP)
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI