le notizie che fanno testo, dal 2010

Discorso per voto di fiducia governo, Letta come Croce: ascoltate coscienza

Enrico letta cita Benedetto Croce e nel corso del suo discorso al Senato prima del voto di fiducia chiarisce che questa non è "contro qualcuno ma per l'Italia, per gli italiani".

Dopo il lungo discorso pronunciato davanti al Senato, Enrico Letta chiede il voto di fiducia perché "il Paese è stremato dai cannoneggiamenti" che arrivano dalle diverse forze politiche. Enrico Letta, nel corso del suo discorso al Senato, afferma che questa è "l'occasione giusta per dire basta" e rivolge "un appello a tutti". "Basta con politica da trincea - dice Letta - concentriamoci solo sulle cose da fare. Coraggio e fiducia è quello che torno a chiedervi". Enrico Letta conclude quindi appellandosi al "Parlamento tutto" ed esorta: "Dateci fiducia pe realizzare questo obiettivo - chiarendo - Una fiducia che non è contro qualcuno ma per l'Italia, per gli italiani. Una fiducia per tutti quelli che si aspettano che il Parlamento dia una nuova speranza al nostro Paese". Enrico Letta chiude quindi il suo discorso al Senato prima del voto di fiducia citando Benedetto Croce, che nel 1947 rivolgendosi in Parlamento ai colleghi costituenti aveva esortato: "Ciascuno di noi si ritiri nella sua profonda coscienza e procuri di non prepararsi, col suo voto poco meditato, un pungente e vergognoso rimorso".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: