le notizie che fanno testo, dal 2010

Emanuela Orlandi rapita da CIA e sparare al Papa è un miracolo, dice Ali Agca a Chi l'ha visto?

Nonostante l'archiviazione in Cassazione, c'è chi ancora assicura di avere nuovi segreti da rivelare sul caso di Emanuela Orlandi. Tra questi anche l'ex terrorista Ali Agca, che nel 1981 sparò a Papa Giovanni Paolo II. Per Agca Emanuela Orlandi è stata rapita dalla CIA con la complicità del Vaticano affinché fosse ottenuta la sua liberazione. Ma per Ali Agca anche l'attentato a Papa Wojtyla "non è stato un crimine ma un miracolo".

Nonostante l'archiviazione in Cassazione, il caso di Emanuela Orlandi continua a far discutere e ancora oggi a 33 anni dalla scomparsa della cittadina vaticana c'è chi assicura che ha nuovi segreti da rivelare. Ancora una volta, però, mancano le prove di quanto affermato come ha ribadito più di una volta Federica Sciarelli nel corso della puntata di ieri sera di Chi l'ha visto? durante la quale a sorpresa ha chiamato Mehmet Ali Agca, ex terrorista turco di origini curde, condannato per l'assassinio del giornalista turco Abdi IpekÇi (direttore del quotidiano liberale Milliyet) e per il tentato omicidio di Papa Giovanni Paolo II, avvenuto il 13 maggio 1981 a Pizza San Pietro. Agca è stato infatti un militante nell'organizzazione terroristica di estrema destra denominata "Lupi grigi".

Dopo la grazia ottenuta nel 2000, Ali Agca incontrò ad Instabul nel 2010 (quando finì di scontare la pena per l'omicidio del giornalista) Pietro Orlandi, il fratello di Emanuela Orlandi che da sempre si batte per scoprire la verità sulla sorte della sorella. A Pietro Orlandi Ali Agca assicurò che Emanuela Orlandi era viva e che si sarebbe mosso per la sua liberazione. Ad oggi, però, Agca non ha però ancora riportato a casa Emanuela Orlandi.

Ecco perché quando Ali Agca chiama Chi l'ha visto? per sostenere che Emanuela Orlandi è stata rapita per ottenere la sua liberazione "in accordo con Giovanni Paolo II e il presidente Sandro Pertini" per credergli servono fondate prove. Parlando con la Sciarelli, Agca ha quindi affermato che Giovanni Paolo II e Sandro Pertini "si dovevano incontrare" per decidere della sua liberazione.
La Sciarelli replica chiarendo di considerare le dichiarazioni dell'attentatore del Papa solo "buffonate" finché non verranno supportate da fatti, al che Agca risponde: "Le fate voi le buffonate che avete santificato le menzogne di De Pedis della Banda della Magliana. Questa è la buffonata della stampa italiana".

Federica Sciarelli chiede quindi "chi secondo Ali Agca ha organizzato il rapimento di Emanuela Orlandi". L'ex terrorista assicura che "sono stati i servizi segreti americani, la CIA, con qualche complice in Vaticano". Come prova, Ali Agca parla solo di una lettera inviata all'agenzia Ansa nell'agosto 1984 dai "servizi segreti - gli uomini della CIA e i loro complici in Italia" nella quale si leggeva che "Agca doveva essere trasferito a Panama o in Costa Rica agli arresti domiciliari".

La Sciarelli continua però a chiedere prove per tutto quello che sta affermando ricordando ancora una volta che Agca non può essere creduto sulla parola perché "è un criminale che è stato pagato per colpire il Papa in Piazza San Pietro". A quel punto Agca sostiene che aver sparato a Papa Wojtyla "non è un crimine ma è un miracolo - perché - è il (terzo, ndr) segreto di Fatima". D'altronde, Ali Agca dopo la scarcerazione nel 2010 assicurò anche che di essere in realtà il Cristo e di voler riscrivere la Bibbia, preannunciando l'Apocalisse.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: