le notizie che fanno testo, dal 2010

Elena Ceste, perizia su nuovi resti: nessun "segno evidente di violenza"

Gli inquirenti attendono i risultati degli esami tossicologici e istologici per avere un quadro più chiaro sul giallo di Elena Ceste. Stando alle ultime notizie dell'Ansa, infatti, i nuovi resti di Elena Ceste non modificano il quadro emerso dall'autopsia di sabato scorso, perché il perito non avrebbe infatti trovato tracce di ferite d'arma da fuoco o da taglio, e nessun "segno evidente di violenza".

Si infittisce il giallo di Elena Ceste, soprattutto a causa di presunte indiscrezioni riportate da varie trasmissioni tv. Qualche giorno fa, sono stati ritrovati nuovi resti del cadavere di Elena Ceste, la casalinga di 37 anni, sposata e madre di quattro bambini, scomparsa il 24 gennaio scorso in circostanze misteriose da Motta di Costigliole, frazione di Asti. Il 18 ottobre, il ritrovamento del cadavere in avanzato stato di decomposizione di Elena Ceste a Isola d'Asti, a poche centinaia di metri dall'abitazione dove la donna viveva con il marito Michele Buoninconti, attualmente indagato per omicidio e occultamento di cadavere, soprattutto per atto dovuto precisa la Procura. Nel canale di scolo nelle campagne dell'Astigiano sono poi riemersi parti di mani e piedi, insieme ad alcune vertebre della donna. Stando alle ultime notizie dell'Ansa, però, i nuovi resti di Elena Ceste non modificano il quadro emerso dall'autopsia di sabato scorso, con gli inquirenti che attendono quindi i risultati degli esami tossicologici e istologici per avere un quadro più chiaro di ciò che potrebbe essere successo circa 10 mesi fa. Il perito non avrebbe infatti trovato tracce di ferite d'arma da fuoco o da taglio, e nessun "segno evidente di violenza" come invece sembrava emergere da fonti anonime citate in alcuni salotti televisivi. Anche la posizione dei nuovi resti, inoltre, sarebbe compatibile solo con l'effetto del trascinamento dovuto all'acqua.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: