le notizie che fanno testo, dal 2010

Batterio Killer: è la volta dei semi di fieno greco egiziani

Altro giro altra accusa. Ora sarebbero delle partite specifiche di semi di fieno greco proveniente dall'Egitto la causa dell'epidemia di Escherichia coli in Germania e Francia. Ma le autorità sanitarie agiziane respingono le accuse al mittente.

L'origine dei focolai di Escherichia coli in Germania e in Francia rimane avvolta nel mistero. Non passa infatti giorno che una nuova ipotesi si "appiccichi" a qualche ortaggio o a qualche seme come causa delle patologie provocate dal raro ceppo di E. coli O104:H4. Il problema è che, pur con tutte la tecnologie e con tutti i controlli di filiera e di tracciamento di cui la società dispone, nulla sembra certo e definitivo e rischia, come è successo con i "cetrioli spagnoli", di provocare il panico nei consumatori. L'ultimo accusato di essere la causa dell'epidemia è una partita di semi di fieno greco di produzione egiziana. L'accusa ai semi egiziani è stata fatta dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle malattie (Ecdc - European Centre for Disease Prevention and Control) che avrebbe trovato il batterio in una partita di semi di fieno greco "importati dall'Egitto nel 2009 e 2010". L'Egitto risponde sdegnato che la presenza del batterio in Egitto "non è mai stata provata" e respinge al mittente le accuse. Intanto, sempre secondo fonti Ecdc, il bilancio dell'epidemia è oggi a più di 4mila persone infettate in Germania con 48 morti. In Francia, a Bordeaux, le persone colpite sono invece 15. Intanto le autorità tedesche continuano a raccomandare di non consumare germogli se non perfettamente crudi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: