le notizie che fanno testo, dal 2010

Ebola, Lorenzin: infermiere Emergency era in auto-quarantena. Perché allora 3 persone sono in isolamento?

Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin assicura che l'infermiere di Emergency risultato positivo al virus Ebola qualche giorno dopo essere rientrato in Italia "ha seguito i protocolli" e "si è posto in auto-quarantena a casa". In realtà, l'auto-quarantena sarebbe scatta dopo che l'infermiere ha accusato i primi sintomi, altrimenti non si spiega perché tre persone attualmente sono in isolamento con il timore di aver contratto l'Ebola.

L'infermiere sardo di Emergency risultato positivo al virus Ebola qualche giorno dopo essere rientrato in Italia dalla Sierra Leone è stato trasferito da Sassari presso l'stituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani, dove è arrivato "febbrile, lucido e collaborante" come informa l'ospedale nel primo bollettino medico. Lo Spallanzani spiega quindi che l'infermiere "ha iniziato trattamento antivirale specifico con farmaco non registrato, autorizzato con ordinanza da Aifa, su indicazione del Ministro della Salute". Rimangono in quarantena tre persone che sono entrate in stretto contatto con l'infermiere di Emergency dopo il suo rientro a Sassari, il 6 maggio. I primi sintomi dell'Ebola sono apparsi il 10 maggio. Il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, assicura intervenendo ad Unomattina che con l'isolamento di queste tre persone si sta "procedendo con delle misure di eccesso di precauzione" poiché l'infermeire di Emergency avrebbe "seguito tutti i protocolli di sicurezza previsti dall OMS e dal Ministero della Salute". Come riporta l'agenzia AskaNews, Beatrice Lorenzin afferma: "Mi sento di rassicurare sul fatto che ha seguito i protocolli: è venuto in Italia, non aveva la febbre, non aveva nessun sintomo, ha seguito le norme previste dalle organizzazioni internazionali e si è posto in auto-quarantena a casa, si misurava la febbre tutti i giorni e quando ha avuto le prime avvisaglie ha contattato lo Spallanzani e l'ospedale di Sassari". In realtà, l'auto-quarantena sarebbe scatta dopo che l'infermiere ha accusato i primi sintomi. L'operatore di Emergency, infatti, è tornato in Italia con un volo commerciale, e quindi non era in quel momento in quarantena. Inoltre, se al suo rientro a Sassari si fosse messo immediatamente in auto-quarantena, non si comprende perché tre persone attualmente sono in isolamento con il timore di aver contratto l'Ebola.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: