le notizie che fanno testo, dal 2010

Ebola: 80 i contatti con paziente negli Stati Uniti, 4 familiari in quarantena

Più di 80 persone hanno avuto un contatto diretto o indiretto con il primo paziente di Ebola negli Stati Uniti, tra cui 5 bambini. L'uomo non è stato messo in isolamento appena sono iniziati i sintomi della malattia, quando cioè è contagiosa, venendo quindi in contatto con diverse persone. Quattro membri della famiglia del paziente sono in quarantena, ma per precauzione. I bambini sono sotto osservazione, anche perché vanno in 4 scuole diverse.

Più di 80 persone hanno avuto un contatto diretto o indiretto con il primo paziente di Ebola negli Stati Uniti, tra cui 5 bambini. A differenza di quanto riportato inizialmente, il paziente affetto dal virus Ebola è stato a contatto con altre persone mentre erano già iniziati i primi sintomi della malattia. L'uomo, che era ritornato da pochi giorni dalla Liberia dove aveva soccorso una donna incita che aveva contratto l'Ebola, si era recato nell'ospedale di Dallas (Texas) una volta che si era cominciato a sentire male. I medici, però, l'hanno rispedito a casa prescrivendogli degli antibiotici. Prima dell'isolamento, quindi, sono passati due giorni, durante i quali l'uomo potrebbe aver infettato con il virus Ebola altre persone negli USA. I funzionari della sanità americana hanno già precisato di aver messo in quarantena 4 membri della famiglia del paziente, ma per precauzione. I cinque bambini che sono entrati in contatto con l'uomo affetto da Ebola sono tenuti costantemente sotto osservazione, anche perché questi vanno in 4 scuole diverse. L'uomo, prima di giungere negli Stati Uniti, ha fatto scalo dalla Liberia a Bruxelles, ma le autorità si dicono certe che non può aver contagiato nessuno né durante il volo in aereo né durante il breve periodo in cui è rimasto in ..., poiché al tempo il paziente non presentava nessun sintomo dell'Ebola, e quindi non sarebbe stato contagioso. La CDC ha esortato gli altri ospedali americani ad imparare la lezione di Dallas, che ha rimandato a casa un paziente con i sintomi dell'Ebola pur sapendo che era appena tornato dalla Liberia, causando il rischio che ora più persone abbiano contratto il virus mortale.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: