le notizie che fanno testo, dal 2010

Strauss-Kahn: libero su cauzione? Ma senza passaporto

Dominique Strauss-Kahn potrebbe uscire presto dal carcere dietro cauzione, ma a diverse condizioni: restituzione del passaporto e braccialetto elettronico. Venerdì 20 maggio la sentenza in Aula.

Dominique Strauss-Kahn potrebbe uscire presto dal carcere dietro cauzione. Durante l'udienza preliminare il giudice aveva negato al direttore generale dell'FMI tale possibilità, rifiutando di fissare una cauzione di ben 1 milione di euro. E così Dominique Strauss-Kahn era stato portato nel carcere di Rikers Island, su una piccola isola nell'East River (New York), oltretutto tenuto sempre sotto osservazione poiché la autorità carcerarie temono un suo tentativo di suicidio. Venerdì 20 maggio Dsk (acronimo orami utilizzato per riferirsi a Dominique Strauss-Kahn) dovrà ricomparire nuovamente in Aula e, stando ad indiscrezioni giornalistiche della CNN, gli avvocati del direttore generale dell'FMI pare che abbiamo "raggiunto un accordo per ottenerne la liberazione su cauzione". Naturalmente i giudici avrebbero disposto delle misure restrittive vincolanti, come per esempio la consegna del passaporto e forse anche l'utilizzo del braccialetto elettronico. Solo durante l'udienza di venerdì si saprà se effettivamente Dsk potrà uscire o meno dal carcere, anche se i legali della cameriera che accusa Strauss-Kahn di tentato stupro si dicono nettamente contrari. "Se lui fosse liberato, la mia cliente sarebbe preoccupata per la sua sicurezza personale" avrebbe detto, sempre alla CNN, Jeffrey Shapiro, avvocato della donna.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: