le notizie che fanno testo, dal 2010

Strauss-Kahn è uomo libero. Cameriera "non si è dimostrata sincera"

Dominique Strauss-Kahn torna ad essere un uomo libero. Tutte le accuse che gli erano state mosse, e che gli avrebbero fatto rischiare fino a 70 anni di carcere, sono state archiviate, come chiesto dalla procura secondo la quale la cameriera non si sarebbe "dimostrata sincera".

Dominique Strauss-Kahn è di nuovo un uomo formalmente libero, anche di lasciare gli Stati Uniti. Come era prevedibile, infatti, la Corte distrettuale di New York ha archiviato le accuse di stupro a carico dell'ex direttore generale del Fondo monetario internazionale (FMI), il giorno dopo che la stessa procura di Manhattan aveva chiesto al giudice di far cadere ogni tipo di accusa. Il procuratore distrettuale di Manhattan, Cyrus Vance, aveva infatti spiegato che la cameriera che accusa Strauss-Kahn "non si è dimostrata sincera" e per questo la procura "non era più convinta oltre ogni ragionevole dubbio della colpevolezza" dell'ex numero uno del FMI. Per l'accusa, quindi, Ophelia - Nafissatou Diallo, avrebbe "ripetutamente mentito", sia riguardo il suo passato ma anche in merito a quanto accadde quel primo pomeriggio del 14 maggio scorso, quando la cameriera fece partire la denuncia dal Sofitel hotel, dove lavorava. Non ci sono dubbi che Dominique Strauss-Kahn e la cameriera abbiano avuto rapporti sessuali, ma poiché la procura non è riuscita a dimostrare con certezza che il rapporto non fu consensuale, vista la mancanza di prove oggettive, il processo si sarebbe basato sulla credibilità dell'accusatrice, che però in questi mesi ha progressivamente perso attendibilità. "Se noi stessi non riusciamo a crederle - hanno concluso i pubblici ministeri - non possiamo chiedere a una giuria di farlo". Visibilmente soddisfatti sia Dominique Strauss-Kahn che la moglie Ann Sinclair, che non hanno rilasciato alcuna dichiarazione, mentre DSK in un comunicato ha ringraziato "tutti coloro che in Francia e negli Stati Uniti" hanno creduto alla sua "innocenza" e le migliaia di persone che gli hanno "fatto sentire la loro vicinanza". Chi invece non crede all'innocenza di Dominique Strauss-Kahn è un gruppo di attiviste che si sono radunate davanti al palazzo di giustizia per chiedere l'arresto dell'ex direttore del FMI. Deluso anche l'avvocato della cameriera, che si dice convinto del fatto che "il procuratore non avrebbe dato lo stesso credito che ha dato a Strauss-Kahn ad altri imputati".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: