le notizie che fanno testo, dal 2010

Strauss-Kahn e Tristane Banon: un faccia a faccia, senza scuse

Dominique Strauss-Kahn e Tristane Banon si sino trovati per la prima volta faccia a faccia in commissariato, ma le loro posizioni non sono cambiate. La giornalista continua a sostenere la violenza, mentre DSK afferma che non avrebbe niente di cui scusarsi.

Otto anni fa Dominique Strauss-Kahn avrebbe tentato di violentare una giornalista francese. E' questa l'accusa che rivolge infatti Tristane Banon all'ex numero uno del FMI, presentata alle autorità mentre DSK era agli arresti negli Stati Uniti per la vicenda della cameriera del Sofitel hotel di New York. E Tristane Banon, parlando su TF1, afferma che oggi ci sarebbe "da parte della cricca mediatica" che sostiene Strauss-Kahn un'offensiva "sullo stile di quella subita da Nafissatou Diallo", spiegando che per cercare di screditarla davanti, almeno, all'opinione pubblica, tirerebbero fuori fatti riguardanti la sua "infanzia movimentata" come storie d'amore pruriginose. Ieri Dominique Strauss-Kahn e Tristane Banon si sono incontrati faccia a faccia in un commissariato parigino, ma entrambi sono rimasti sulle proprie posizioni, spiegano gli avvocati. Come affermato pochi giorni fa sempre a TF1, Strauss-Kahn ha ammesso di aver fatto delle "avances" alla giornalista e di aver tentato di baciarla, ma sostiene che non ci sarebbe stato nessun tipo di aggressione. Al contrario la Banon continua a sostenere il "tentativo di violenza". Durante l'intervista al telegiornale francese, la giovane donna, anche scrittrice, spiega che Strauss-Kahn continuerebbe a ripetere "solo menzogne", aggiungendo: "E' un arrogante, non ha osato guardarmi in faccia, aveva soltanto quel sorriso stampato in faccia", riferendosi all'interrogatorio avuto luogo solo poche ore prima. Una "rabbia" forse motivata anche dal fatto che Dominique Strauss-Kahn non troverebbe "alcun motivo per scusarsi" con la giornalista. Ora la parola spetta alla procura, che può o continuare le indagini per poi chiedere l'incriminazione di Dominique Strauss-Kahn o archiviare la denuncia. Alcuni commentatori farebbero anche notare che vi sarebbe tuttavia anche una terza via, e cioè il cambio di imputazione che potrebbe passare da tentata violenza ad aggressione ses suale. In quest'ultimo caso, il reato andrebbe direttamente in prescrizione. Ma Tristane Banon promette comunque battaglia, anche magari solo in sede civile.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: