le notizie che fanno testo, dal 2010

Domenico Maurantonio fu tenuto a testa in giù nel vuoto e corpo fu spostato

Secondo la perizia del medico legale della famiglia Domenico Maurantonio prima di precipitare fu tenuto a testa in giù nel vuoto al quinto piano dell'hotel (da qui i lividi che il 19enne aveva sul braccio?) e dopo la caduta il corpo fu spostato, per depistare le indagini.

Per i pm Domenico Maurantonio "era solo" quando è precipitato dall'albergo in cui pernottava con i compagni di classe durante una gita scolastica a Milano. Ed infatti il caso di Domenico Maurantonio sembrava destinato ad essere archiviato come suicidio, anche se a questa versione i genitori del ragazzo non ci hanno mai creduto. Finora si era sempre parlato di una "caduta a piombo" di Domenico Maurantonio, anche se tale ipotesi suscitava alcuni dubbi. Come poteva infatti essere caduto così un ragazzo che, da solo, si era seduto ad una finestra per espellere i propri bisogni?

Ad oggi nessuno dei compagni di classe di Domenico Maurantonio ha mai riferito che con il 19enne, quella notte del 10 maggio scorso, c'era qualcun altro. Eppure, secondo la perizia del medico legale della famiglia, Domenico Maurantonio prima di precipitare fu tenuto a testa in giù nel vuoto al quinto piano dell'hotel (da qui i lividi che il 19enne aveva sul braccio?) e dopo la caduta il corpo fu spostato, per depistare le indagini. La perizia spiega inoltre anche quel segno trovato sul muro esterno dell'albergo, sotto la finestra. Precipitando Domenico Maurantonio toccò infatti con una mano il muro, probabilmente per tentare di afferrare qualcosa. In sostanza, quindi, la perizia di parte afferma che quello di Domenico Maurantonio fu un omicidio.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: