le notizie che fanno testo, dal 2010

Brexit: ora radicale riforma dell'UE e dei suoi Trattati, dice Bergamini

"Dopo l'esito del referendum britannico diventa indifferibile una profonda riforma della UE e dei suoi trattati: continuiamo a ritenere l'Unione fondamentale, ma non nella forma che è andata prendendo, perché così com'è è troppo lontana dalle esigenze reali dei cittadini", riporta in una nota Deborah Bergamini di FI.

"Dopo l'esito del referendum britannico diventa indifferibile una profonda riforma della UE e dei suoi trattati: continuiamo a ritenere l'Unione fondamentale - espone in una nota la deputata di Forza Italia Deborah Bergamini -, ma non nella forma che è andata prendendo, perché così com'è è troppo lontana dalle esigenze reali dei cittadini. Insomma o l'Europa incomincia ad essere sentita dagli europei come una seconda patria, nella quale a decidere le sorti comuni sono i cittadini e i parlamenti e non le burocrazie e la governance bancaria globale, oppure si disgregherà con un devastante effetto domino. E gli enormi sacrifici e i costi sostenuti dagli Stati membri non saranno serviti a nulla."
"Si sta perdendo, per mancanza di una visione condivisa e anche per carenza di leadership autorevoli e riconosciute, il sogno europeo che i padri fondatori hanno costruito. Ora non ci sono più alibi: o l'Europa cambia, si rinnova, migliora, oppure i popoli sovrani ne decreteranno la fine. Di fronte a questa prospettiva è necessario che la grande famiglia moderata del Ppe prenda al più presto una forte iniziativa politica, dimostrando al popolo europeo di aver capito che è arrivato il momento di cambiare questa Europa" conclude l'esponente azzurra.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: