le notizie che fanno testo, dal 2010

Editoria, Zoggia (PD): governo scongiuri chiusura "Il Gazzettino" e "Antenna Tre"

"La situazione dell'editoria in Veneto versa da tempo in una profonda crisi. Particolare attenzione meritano le vertenze relative al quotidiano 'Il Gazzettino' e dell'emittente 'Antenna Tre' del Gruppo Panto" denuncia in una interrogazione parlamentare il deputato del PD Davide Zoggia.

"La situazione dell'editoria in Veneto versa da tempo in una profonda crisi. Particolare attenzione meritano le vertenze relative al quotidiano 'Il Gazzettino' e dell'emittente 'Antenna Tre' del Gruppo Panto" denuncia in una interrogazione parlamentare il deputato del PD Davide Zoggia. Rivolgendosi al premier Matteo Renzi e al ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi, l'esponente dem ricorda infatti: "Per il Gazzettino, il gruppo editoriale, nel reiterare gli stati di crisi ha predisposto un piano di spacchettamento delle attività poligrafiche e di trasferimento dei dipendenti a nuove società con profili contrattuali diversi. Mentre per l'emittente televisiva siamo, invece, in presenza di una crisi legata in particolare al crollo della pubblicità ed anche ai ritardi nei trasferimenti in favore delle tv locali a partire dai fondi statali 2014 che ne stanno pregiudicando la sopravvivenza. In particolare i dipendenti di Antenna Tre sono da mesi senza stipendio e vivono con le loro famiglie una situazione particolarmente difficile".
"Alla luce di tutto ciò, con questa crisi viene ad essere pregiudicato il pluralismo dell'informazione e il diritto stesso dei cittadini di essere informati. - osserva il parlamentare - Si chiede, pertanto, di sapere se il governo è a conoscenza delle suddette vertenze e se non intenda attivare in tempi rapidi un tavolo di confronto coinvolgendo Regione, gruppi editoriali ed organizzazioni sindacali, procedendo al riparto dei fondi previsti dalla legge sull'editoria a partire dall'anno 2014, con l'obiettivo di scongiurare la chiusura di importanti testate giornalistiche nonché salvaguardando i livelli occupazionali ed il fondamentale principio democratico della libertà e del pluralismo dell'informazione".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: