le notizie che fanno testo, dal 2010

Elezioni Gran Bretagna 2015: Cameron più forte in UE con carta referendum

La vittoria dei conservatori alle elezioni che si sono svolte in Gran Bretagna consegnano a David Cameron una carta importante che il premier giocherà per rinegoziare il rapporto del Regno Unito con l'Unione europea, e forse anche Trattati dell'UE come quello sulla libera circolazione. Il referendum sull'adesione della Gran Bretagna all'Unione europea dovrebbe svolgersi entro la fine del 2017.

Dopo la vittoria di David Cameron ed i conservatori, Londra si prepara al referendum sull'adesione del Regno Unito all'Unione europea. Il referendum è stato infatti inserito nel programma Tory durante la campagna elettorale, e se David Cameron onorerà tale impegno gli inglesi saranno chiamati a scegliere se rimanere o meno dell'Unione europea entro la fine del 2017. In realtà, a volere l'uscita della Gran Bretagna dall'UE è la corrente euroscettica dei conservatori, di cui almeno finora non fa parte Cameron. Il premier inglese, però, potrebbe giocare la carta del referendum per ottenere maggiori concessioni dal parte dell'Unione europea. Se L'UE vede infatti come pericolosa l'uscita della Grecia figurarsi l'abbandono da parte della sua seconda più grande economia. A detta di molti opinionisti inglesi, quindi, Cameron sfrutterà questa occasione per rinegoziare il rapporto del Regno Unito con l'Unione europea. Al centro della futura trattativa le norme sull'immigrazione, che Cameron vorrebbe più stringenti, ma la preoccupazione britannica riguarda anche il bilancio UE e una diversa regolamentazione dei servizi finanziari. In realtà, il vero obietto del Regno Unito sarebbe quello di rimettere mano ai Trattati dell'UE, per arrivare per esempio a dei cambiamenti significativi alle norme sulla libera circolazione in UE.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: