le notizie che fanno testo, dal 2010

Omicidio Ciro Esposito: i pm chiedono ergastolo per Daniele De Santis

I pm chiedono l'ergastolo per Daniele De Santis, l'ultrà giallorosso protagonista degli scontri avvenuti nel maggio del 2014 in viale Tor di Quinto poche ore prima della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina. Daniele De Santis è accusato dell'omicidio del tifoso napoletano Ciro Esposito.

"Ho esploso io i colpi di pistola ma l'arma non era mia. Ce l'aveva un tifoso del Napoli che non apparteneva al gruppo di Ciro Esposito" ha dichiarato in aula 5 giorni fa Daniele De Santis, l'ultrà giallorosso protagonista degli scontri avvenuti nel maggio del 2014 in viale Tor di Quinto poche ore prima della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina. "Ricordo di avere cercato di chiudere il cancello del Ciak Club, ma di non esserci riuscito e di essere stato aggredito da un gruppo di napoletani che mi hanno ferito ad una gamba" afferma "Gastone", che ha rischiato anche l'amputazione dell'arto ora immobilizzato da dei ferri per una osteomelite. In sostanza, la tesi della difesa è che De Santis per difedersi da un'aggressione ha strappato la pistola di mano ad uno dei tifosi del Napoli e sparato "alla cieca". A rimetterci la vita Ciro Esposito, deceduto dopo una lenta agonia in ospedale.

Ma per i pubblici ministeri "le prove acquisite - tracce di sangue sulla pistola, esame dei video dei testimoni - dimostrano che De Santis ha esploso i colpi mentre era in piedi e prima di essere ferito". Per questo motivo l'accusa non prevede nessuna attenuante possibile per Daniele de Santis nell'omicidio di Ciro Esposito e alla Corte chiede la pena dell'ergastolo. Il pm Antonio Di Maio spiega infatti: "De Santis non ha agito da solo ma in maniera preordinata con altri sei individui purtroppo non identificati, con una studiata aggressione al pullman dei napoletani, ma è rimasto travolto dalla risposta dei tifosi aggrediti che non pensava così numerosi. De Santis ha sparato puntando l'arma contro Ciro Esposito e gli altri napoletani non alla cieca come vuole farci credere, poteva essere una strage".

Tre anni a testa sono stati invece chiesti per i due tifosi napoletani accusati di lesioni, Alfonso Esposito e Gennaro Fioretti, che erano con Ciro Esposito al momento della tragedia. Dopo la richiesta dell'ergastolo e mentre veniva riaccompagnato in barella sull'ambulanza all'esterno dell'aula bunker di Rebibbia, Daniele De Santis ha urlato rivolto ai pm: "Bugiardi! Non avete visto niente e mo' parlate. Me lo do da solo l'ergastolo, che vi pensate che ho paura di morire?".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: