le notizie che fanno testo, dal 2010

Video Santanchè e Cacciari: tra festicciole ad Arcore e moralità politica

Scontro tra Massimo Cacciari e Daniela Santanchè sulla richiesta di condanna per Silvio Berlusconi al processo Ruby. Daniela Santanchè dice: ""Se la Boccassini ha dato della prostituta a tutte le donne che erano ad Arcore, allora io sono una prostituta perché ad Arcore ci sono andata moltissime volte". Massimo Cacciari risponde: "Il mio è il giudizio morale, etico, culturale, in un Paese civile un premier non si comporta così".

Nel corso de L'aria che tira su La7, scontro tra Massimo Cacciari e Daniela Santanchè (video). Nel programma si sta parlando del processo Ruby e della richiesta di condanna presentata dal pm Ilda Boccassini, che vorrebbe per Silvio Berlusconi una pena a 6 anni di carcere oltre all'interdizione perpetua ai pubblici uffici. Nel corso del programma interviene Daniela Santanché che dice: "Se la Boccassini ha dato della prostituta a tutte le donne che erano ad Arcore, allora io sono una prostituta perché ad Arcore ci sono andata moltissime volte". Massimo Cacciari replica quindi che bisogna "stare a discutere dei comportamenti di Berlusconi, al di là di quello che dice la Boccasini" perché "sono comportamenti talmente fuori dal mondo, talmente inammissibili" che "in qualsiasi Paese civile un premier con quei comportamenti sarebbe stato liquidato per sempre". Daniela Santanchè risponde: "Quali comportamenti?". "Quali comportamenti? - domanda Cacciari - Quelli che sono emersi dappertutto. Quelli che tutti hanno visto. Dopodiché, che fossero prostitute o non fossero prostitute ma cosa cambia?". Daniela Santanché ribadisce: "Ma io c'ero molte volte. - insistendo - Quello che hanno visto cosa?".

Massimo Cacciari continua: "Un responsabile politico non si comporta così, non fa le festicciole a casa sua con le ventenni. Ma non mi interessa discutere con la Santanché di queste cose". "E per forza. - ribatte la Santanchè - Discutere con me è difficile, perché io c'ero e lei no". "Vorrei discutere di programmi di governo, non delle serate bunga bunga di Berlusconi" replica Cacciari, con la Santanchè che sottolinea: "Ma siete voi che siete ventanni che questo è l'unico programma politico che avete". A questo punto Massimo Cacciari perde il suo aplomb: "Basta con un leader così. In qualsiasi paese civile sarebbe stato massacrato, e neanche più se ne parlerebbe. Lascia stare la Boccassini ed i processi, lasci perdere la colpevolezza o meno dal punto di vista legale, sto parlando di comportamenti, di quelli palesi, di quelli dichiarati da Berlusconi medesimo, che aveva le ragazze in casa ad Arcore a fare le festicciole. Ma le pare che un leader politico si debba comportare così. Cosa vuole che me ne freghi del giudizio della magistratura, è il giudizio morale, etico, culturale, in un Paese civile un premier non si comporta così". In un Paese civile.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: