le notizie che fanno testo, dal 2010

Costantino: Lele padre padrone, io protetto da Maria De Filippi

Nell'eterna telenovela di Lele Mora e friends si inserisce uno dei vecchi pupilli del talent scout di Bagnolo di Po, Costantino Vitagliano, che afferma che lui era "protetto da una persona più potente di Lele Mora: Maria De Filippi".

Nell'eterna telenovela di Lele Mora e friends si inserisce uno dei vecchi pupilli del talent scout di Bagnolo di Po, Costantino Vitagliano. Anche Costantino ha infatti voluto dire la sua sul vecchio amico e manager e non è certo stato tenero con lui. Nell'intervista al settimanale "Oggi" in edicola da mercoledì, Vitagliano precisa che Lele non era come tutti credevano il padre di una grande famiglia di talenti (o pseudotali), ma piuttosto un padrone duro cui tutti dovevano ubbidire pena l'ostracismo. "Facevano solo quello che gli ordinava - dice Costantino - Altrimenti non lavoravano più. Io ero protetto da una persona più potente di Lele Mora: Maria De Filippi".
L'unico merito che Costantino riconosce a Lele Mora è quello di averlo portato a "Uomini e Donne", "poi qualsiasi manager mi avrebbe saputo vendere" aggiunge e prosegue lanciando una pesantissima accusa: «Tutto quello che ho me lo sono comprato. Semmai ho il sospetto che i miei cachet non fossero proprio quelli che ricevevo. Per non parlare delle ritenute d'acconto che non mi sono mai state versate. Qualcun altro si è fatto regali coi miei soldi".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: