le notizie che fanno testo, dal 2010

Naufragio Costa Concordia, pm: 26 anni a Schettino, un "incauto idiota"

La Procura di Grosseto ha chiesto contro Francesco Schettino, ex comandante della Costa Concordia che naufragò il 13 gennaio 2012 causando 32 vittime, 26 anni e 3 mesi di reclusione più l'arresto. Il pm ha inoltre coniato un neologismo per Schettino, definito un "incauto idiota".

"Incauto idiota". Così Francesco Schettino, ex comandante della Costa Concordia, che naufragò il 13 gennaio 2012 causando 32 vittime, è stato chiamato dal pm Stefano Pizza della Procura di Grosseto nel corso della requisitoria finale del processo, chiusa con una richiesta di condanna di 26 anni e 3 mesi di reclusione. Il procuratore ha coniato il profilo dell’incauto idiota unendo le definizioni che si trovano in dottrina giuridica di "abile idiota" e "incauto ottimista", spiegando che entrambe "convivono benissimo in Schettino, quasi fosse bicefalo". C'è già chi fa notare come i difensori di Schettino forse potrebbero utilizzare tale neologismo a loro favore, visto che un "incauto idiota" potrebbe non essere condannabile per via, proprio, delle sue scarse "capacità intellettive". Gli avvocati di Francesco Schettino per il momento sottolineano solamente quanto la richiesta di condanna sia eccessiva, evidenziando: "Quasi l'ergastolo, manco Pacciani. Siamo rimasti tutti quanti sorpresi. - aggiungendo - Ma il fatto che a distanza di tre anni si vada a chiedere l’arresto dopo che nel 2012 la Cassazione ha respinto la stessa richiesta degli stessi pm è la ciliegina sulla torta". L'avvocato Donato Laino quindi si domanda: "Come è possibile che si ripropongano le stesse cose? Le esigenze sono identiche". La Procura di Grosseto, infatti, ha anche chiesto l'immediata carcerazione di Francesco Schettino, poiché a giudizio dell'accusa potrebbe fuggire in un'abitazione fuori dall’Italia visto che grazie al suo lavoro ha numerose conoscenze anche straniere.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: