le notizie che fanno testo, dal 2010

Costa Concordia: sale a 15 numero vittime. Morta la sposina di Biella

Continua a salire il numero delle vittime della Costa Concordia, ormai giunto a quindici. Ieri sono stati ritrovati i cordpi di due donne, e identificato un terzo, quello della "sposina di Biella" Maria D'Introno, in crociera con turra la famiglia per le nozze d'oro dei suoceri.

Sale a 15 il numero delle vittime della Costa Concordia, mentre 18 sono i dispersi, anche se sei corpi già rinvenuti nella nave naufragata non sono stati ancora identificati. Nella giornata di ieri le unità di soccorso hanno trovato altri due corpi, di done, mentre è stata identificata dai parenti la salma Maria D'Introno, conosciuta come la "sposina di Biella". La donna, 30 anni, originaria di Corato (Bari) ma trasferitasi nel biellese dopo il matrimonio con Vincenzo Roselli, era in crociera con il marito, i cognati e i suoceri, che festeggiavano le nozze d'oro. Doveva essere una vacanza da sogno in famiglia, e invece si è trasformata in tragedia. Quando la Costa Concordia ha cominciato ad inclinarsi, tutta la famiglia, indossato il giubotto salvagente, racconta di essersi gettata in mare per raggiungere le coste dell'Isola del Giglio. Erano convinti che anche Maria D'Introno si fosse gettata, nonostante la paura dell'acqua, e invece ieri si è appresa la terribile verità. Molto probabilmente Maria D'Introno è rimasta sulla nave, terrorizzata, oppure è risalita per paura di non farcela a raggiugere l'isola. Comunque sia andata, la sposina di Biella è rimasta infine intrappolata sulla Costa Concordia. I funerali di Maria D'Introno si svolgeranno a Corato, paese natale della donna, e la dta verrà fissata non appena la magistratura darà il via libera per il trasferimento della salma in Puglia.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: